pizza

Dopo aver assaggiato la pizza con lievito madre non saprete più farne a meno. E’ leggerissima e facile da digerire. Questo è l’impasto che, dopo tante prove, mi soddisfa di più. Leggero, soffice e croccante allo stesso tempo. 

Gli impasti con lievito di birra mi facevano gonfiare, dopo aver provato la pizza a lievitazione naturale, non ho più avuto questo problema.

Conditela come più vi piace, margherita, norma, tonno e cipolla, bresaola, rucola e parmigiano a scaglie , alla diavola o alla messinese con scarola, acciughe, pomodoro fresco e tanto pepe!

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 gr di farina (W 250/300)
  • 1/2 lt di acqua circa
  • 100/200 gr. di lievito madre
  • 3 cucchiai di olio evo
  • Sale q.b.
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • farina di semola q.b. per spolverizzare

Preparazione:

Per prima cosa, fate un rinfresco al lievito madre, in modo che risulti più attivo. Quando raddoppia di volume, è pronto per essere utilizzato. In alternativa, potete mettere il lievito rinfrescato che vi servirà per la preparazione, a bagno in acqua tiepida e quando sale a galla è pronto per essere utilizzato. Talvolta, quando ho poco tempo, e il lievito è stato rinfrescato da pochi giorni, lo utilizzo direttamente, uscendolo dal frigo qualche ora prima. Ho messo una quantità variabile di LM perchè dipende dalla sua maturazione e dai tempi di lievitazione, più sono lunghi, minore sarà la dose da utilizzare per avere una pizza più leggera.

Quindi procedete all’impasto. Setacciate la farina in una ciotola. Sciogliete il lievito madre e lo zucchero in poca acqua  e aggiungetela alla farina. Cominciate ad impastare, versando pian piano anche la restante acqua, (tutta quella che l’impasto assorbe, il quantitativo dipende dalla farina) fino a formare un panetto. Aggiungere anche l’olio. Infine il sale (sempre lontano dal lievito) e continuare ad impastare, fino ad ottenere un panetto liscio e morbido.

Spennellare con olio un capiente contenitore in vetro e disporvi il panetto. Coprire con un canovaccio umido o con pellicola da cucina e lasciar lievitare, lontano da correnti d’aria, sino al raddoppio del volume.

Il tempo dipende dalla temperatura esterna e dalla maturazione del vostro lievito.

Il mio consiglio è di metterla a lievitare nel forno spento, con la luce accesa, in modo tale che la temperatura resti costante.

Se invece la impastate il giorno prima per quello successivo, potete farla lievitare in frigo e uscirla la mattina seguente per la sera.

Qualche ora prima di stenderla, potete suddividere l’impasto in pesetti per fare delle pizze rotonde.

Una volta che l’impasto è ben lievitato, capovolgete nella spianatoia, spolverizzare con farina di semola e stendete con le mani, allargando l’impasto ed evitando l’uso del mattarello per lasciare integre le bolle di lievitazione.

Adagiate le pizze su teglie oleate o coperte da carta da forno; condite a piacere e cuocete in forno preriscaldato alla temperatura massima.

La cottura ideale è su pietra refrattaria.

 

Ti potrebbero interssare

4 commenti

Apicella immacolata 1 Giugno 2013 - 16:00

Mi piacerebbe sapere la ricetta per iniziare il lievito madre.grazie

Rispondi
Valeria 1 Giugno 2013 - 16:35

È un buon periodo per iniziare, perché le temperature più miti favoriscono la lievitazione. Clicca il link di seguito che ti rinvia al post. http://rossettoecioccolato.net/2012/04/01/lievito-madre/
A presto! Attendo di sapere

Rispondi
FrancescaVet 12 Gennaio 2014 - 16:12

Valeriaaa..anch’io come te sono un’appassionata di cucina sempre pronta a sperimentare!! Ti volevo ringraziare perché con i tuoi consigli e i tuoi link…hai trasmesso in pieno l’entusiasmo e la voglia di coltivare le cose sane e genuine,(per quanto si puó) di un tempo!! Ho seguito con scrupolosa attenzione il post sul lievito madre…molto spesso, con altre ricette, mi ripromettevo di iniziare ma mi scoraggiavo facilmente…invece con il tuo post…é stato davvero facile…e adesso stò “coltivando” ed accudendo il mio lievito madre…(dovrei dargli un nome!!):-)…ancora non l ho usato ed oggi appunto…faró la pizza…prima ricetta…vedremo cosa succederá!!Ti farò sapere, se ti fá piacere, un bacione a presto!

Rispondi
Valeria 15 Gennaio 2014 - 11:25

Ciao Francesca, non sai che piacere immenso risentirti e sapere che coltiviamo la stessa passione. Se lo avessi saputo ti avrei dato un pezzetto del mio LM ma sono certa che la soddisfazione di crearlo con le tue mani è stata ancora più grande!
Certo che mi fa piacere sapere dei tuoi esperimenti. Non vedo l’ora. Tienimi aggiornata. Ci sono tante ricettine che puoi provare, tutte testate da me! Vedrai che impasti soffici… che gusto… basta solo avere la pazienza di farli lievitare più a lungo! A prestissimo!

Rispondi

Lascia un commento