Pepe Nero, la pizza a Catania si fa gourmet

Nel mondo della pizza già da tempo è in corso una rivoluzione. Si parte sempre dal classico impasto con acqua farina lievito e sale ma con tantissime varianti. A cominciare dalle farine che vengono utilizzate. Nelle pizzerie più di tendenza troveremo sicuramente i grani antichi, gli impasti ai cereali o con farine innovative. Il topping? Sempre più frutto di ricerca e attenzione alla materia prima. Gli impasti sono lievitati e maturati lentamente per ottenere la perfetta alveolatura e una leggerezza e digeribilità che fa venire voglia di mangiare subito una seconda pizza. E poi c’è il fenomeno in crescita della pizza gourmet. Ma cosa vuol dire pizza gourmet? E’ una pizza d’autore di base bianca, con ingredienti di alta qualità, che viene servita ai commensali tagliata a spicchi. Ogni spicchio è il boccone perfetto in cui c’è la sintesi di tutti gli ingredienti utilizzati e la pizza nasce per essere condivisa con gli altri commensali.

In ogni città che vai troverai la pizzeria che fa ricerca e propone in alternativa alle classiche pizze, le varianti gourmet. A Catania tra gli indirizzi consigliati c’è Pepe Nero, in viale Ruggero di Lauria, accogliente e raffinato locale che si affaccia sul lungomare di Catania.  Pepe Nero non è la solita pizzeria, è quattro ristoranti in uno con spazi interni ben distribuiti e terrazza esterna per la stagione calda. La cantina del ristorante comprende oltre 400 etichette di vini da tutto il mondo, conservate nell’ampio locale a vista, a temperatura controllata, che rappresentano l’universo dei vitigni siciliani, attraversando poi la Francia, la Germania e l’Austria, nella ricca carta suddivisa per regioni e territori.

Cucina tradizionale siciliana di mare e di terra, sushi nippo-brasiliano, cocktail food e pizzeria rendono l’offerta completa. Anche la pizza cerca di accontentare tutti e oltre alle classiche troviamo la selezione di 8 pizze gourmet che vanno dalle 17 alle 23 euro. L’impasto di grani antichi è un mix di Senatore Cappelli, Khorasan e Timilia con acqua di mare che garantisce un grado di sapidità persistente.  Il risultato è una pizza alta, molto croccante e gustosa.

L’esperienza gourmet da Pepe Nero si fa ancora più interessante con l’abbinamento delle pizze e degli atri cibi ai cocktail che il giovane ed esperto bartender studia e seleziona con grande abilità.  Continue reading

Carmelo Floridia è il neo presidente dell’Associazione Prov. Cuochi Iblei

Lo chef modicano Carmelo Floridia è il nuovo Presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi Iblei. Fondata a Ragusa nel 1987, l’APCI fa capo alla FIC, la Federazione Italiana Cuochi. “Sono onorato per aver ricevuto questo incarico – ha dichiarato Carmelo Floridia – e orgoglioso di rappresentare questo straordinario territorio fatto di eccellenze ed ancor prima di persone: professionisti ed allievi sparsi in 12 comuni dove è risaputo ormai che la ristorazione ricopre un settore importante e di prestigio. Con l’occasione del rinnovo del consiglio direttivo dell’APCI, si è voluto rinnovare e coinvolgere persone nuove che son certo porteranno una ventata di novità ed ulteriore entusiasmo. In passato – prosegue l’executive chef della Locanda Gulfi, a Chiaramonte Gulfi, – sono stati i nostri colleghi più anziani a rappresentare e gestire l’associazione e hanno fatti grandi cose; con il rinnovo del consiglio sono stato chiamato a prendere in considerazione questo incarico. Ovviamente, ho accettato con piacere ma ho fatto presente che era per me fondamentale che ci fossero nel direttivo persone che conosco da anni, con cui sono cresciuto professionalmente e che condividono i miei stessi principi. Ecco così questo nuovo gruppo che ha già condiviso un programma ricco di attività”.  Continue reading

Best in Sicily 2019. Premiate le eccellenze del gusto e dell’accoglienza

CATANIA – Un teatro Bellini gremito all’inverosimile e un’atmosfera di grande festa hanno fatto da cornice alla premiazione “Best in Sicily 2019” il riconoscimento ideato da Cronache di Gusto che da 12 anni premia le eccellenze del gusto e dell’accoglienza. Sul palco si sono alternati14 premiati con due ex-aequo. A presentare la cerimonia il Direttore del giornale online Cronache di Gusto, Fabrizio Carrera, con l’ausilio dei suoi collaboratori. Un bel risultato è stato portato a casa dalla provincia di Messina che ha conquistato 3 premi, squisitamente legati al mondo del food, confermando le grandi potenzialità del territorio in tema di eccellenze e turismo enogastronomico.

L’ambasciatore del gusto Francesco Arena, del Panificio Masino Arena di Messina, è stato premiato come Miglior Fornaio Best in Sicily 2019“ “per il suo lavoro di divulgatore appassionato dell’arte panaria, per l’attenzione maniacale per le farine, i grani antichi siciliani e le altre materie prime di eccellenza utilizzati nella preparazione di focacce e prodotti panari”.

Francesco Arena

Il Panificio di famiglia a Messina sforna pane da tre generazioni. Fu la nonna Teresa nel 1939 ad aprire l’attività nella città dello Stretto. Nel 1970 l’attività passò al figlio Masino che lo gestisce ancora oggi insieme al figlio Francesco. Una passione trasmessa di padre in figlio che onora il lavoro artigianale, manuale, fatto di studio e sacrifici. Per Francesco Arena il panificio, sin da bambino, è stato un parco giochi. Oggi è l’attività che riempie tutte le sue giornate e che lo porta a viaggiare molto. Il lievito madre è la sua grande passione. Il Panificio di via Consolare Pompea sforna ogni giorno una miriade di specialità, dai pani con farine di grani antichi macinate a pietra a pani con farine speciali e innovative. Lo scorso dicembre i suoi panettoni artigianali sono stati inseriti nella classifica dei migliori 20 d’Italia da “La Cucina Italiana”. Le sue specialità tradizionali messinesi, come focaccia e pitoni, hanno varcato lo Stretto e si sono fatte apprezzare nei più importanti appuntamenti enogastronomici.

L’agriturismo Il Vecchio Carro di Caronia Marina di Eliana Carroccetto e Giuseppe Oriti, specializzato nell’allevamento di suino nero dei Nebrodi, ha ricevuto il premio di Miglior Trattoria Best in Sicily 2019 “come tappa obbligatoria per i golosi, dove il piacere è garantito tra porchetta e piatti tipici del territorio e l’accoglienza è una delle carte vincenti”.

Giuseppe e Eliana Oriti

L’azienda agrituristica sita nel cuore del Parco dei Nebrodi, è specializzata nell’allevamento allo stato semibrado di suino nero dei Nebrodi e nella produzione di salumi e in particolare di porchetta cotta nel forno a legna e affumicata con legno di ulivo con l’antica ricetta di famiglia. Sono tanti i premi conquistati dall’Azienda per questa eccellenza e il riconoscimento di Best in Sicily è l’ennesima grande soddisfazione per il lavoro svolto in 20 anni di attività. La trattoria di Eliana e Giuseppe Oriti è apprezzata dalla clientela per l’altissima qualità dei prodotti, per la cucina tradizionale, per l’ottimo rapporto qualità prezzo. Si mangia di gusto con un’ampia varietà di antipasti di terra, salumi e formaggi, primi piatti e secondi a base di suino nero dei Nebrodi.   Continue reading

Lo chef stellato Paolo Gramaglia incontra Sacha. Cena a 4 mani con Nunzio Di Amico

Lo chef Paolo Gramaglia, 1 stella Michelin del Ristorante “President” di Pompei, sarà ospite a Messina dove cucinerà insieme allo chef Nunzio Di Amico. L’appuntamento è per venerdì 22 febbraio alle ore 21 al Ristorante Sacha. Un viaggio di gusto intorno al mondo per tutti gli appassionati di buona cucina.

Un gradito ritorno in Sicilia per lo chef Paolo Gramaglia che è molto legato alla Sicilia e negli anni scorsi è stato sempre presente a Cibo Nostrum, la grande festa della Cucina Italiana che quest’anno si svolgerà a Catania il 31 marzo.

La cucina contemporanea di Nunzio Di Amico, giovane chef messinese, si contraddistingue per un’attenzione verso i prodotti del territorio.

Entusiasmo, creatività ed eleganza sono i tre ingredienti che contraddistinguono la cucina di Paolo Gramaglia.   Continue reading

A tutta birra… La cucina stellata di Claudio Ruta incontra Chinaschi

RAGUSA – La birra artigianale siciliana è la grande protagonista dell’evento che si svolgerà nel ristorante Villa Carlotta di Ragusa il prossimo 23 febbraio, con inizio alle 20.30. Una degustazione di birre del birrificio Chinaschi servite in un clima rilassante, senza troppi formalismi, in abbinamento a piatti creati per l’occasione dallo chef 1 stella Michelin Claudio Ruta. Il birrificio “Chinaschi” di Trapani,  è una giovane realtà guidata da Francesco Puma con la collaborazione dall’enologo Vincenzo Leone, il cui segno distintivo è lo straordinario legame che lega tutte le sue birre al territorio siciliano.

 “La nostra nasce come azienda agricola tramandata da generazioni – afferma Francesco Puma-. Si tratta dell’unica azienda agricola trapanese dedita alla produzione di birra, nella quale vengono impiegate materie prime d’eccezione come i grani autoctoni siciliani, agrumi e vini prodotti da vitigni di Grillo, Zibibbo e Catarratto. Tutte le birre sono strettamente legate al territorio per profumi e sapori. Sono prodotte con metodo artigianale e quindi non sono filtrate, non sono pastorizzate e sono rifermentate in bottiglia. Il processo produttivo è seguito meticolosamente da un enologo. “La visione della birra negli ultimi anni è cambiata parecchio. In precedenza si bevevano birre industriali soltanto d’estate a temperature glaciali, oppure per accompagnare una pizza. Adesso si può tranquillamente sostituire un buon vino con una birra artigianale, e accostarla persino al pesce o al sushi – conclude Francesco Puma.  Continue reading

Nasce “De Rerum Aetna” il primo Cru di vigna di Oro d’Etna. Il 22 febbraio la presentazione

ZAFFERANA ETNEA – Il primo Cru di vigna, “De Rerum Aetna” è il nuovo nato in casa Costa. L’azienda scrive così una nuova pagina della storia di Oro d’Etna. Il miele, tradizionalmente frutto dell’Etna, è da 25 anni il punto di forza dell’azienda. L’apicoltura è la principale attività fin dal 1988. Vennero dopo l’olivicoltura e le conserve. Nel 2013 sboccia la passione per il vino e il prossimo 22 febbraio 2019 verrà presentato in anteprima il primo cru di vigna, “De Rerum Aetna”. All’evento privato, che si svolgerà a Zafferana Etnea nell’incantevole Villa Mirador Eventi, la famiglia Costa accoglierà operatori di settore, associazioni del mondo vitivinicolo e giornalisti.

La storia di questa azienda familiare ha inizio quando Sebastiano Costa, dopo anni vissuti in una capitale straniera, ritorna nella sua terra. Con la sua famiglia ama far assaporare e vivere il vulcano agli oltre 150.000 visitatori che ogni anno sostano presso l’azienda. Dal 2013 Sebastiano e il figlio Domenico, con passione, coltivano il loro vigneto di 5 ettari situato a Zafferana Etnea, sul versante Est dell’Etna, impegnandosi nella produzione di vini Etna DOC. Vini dal carattere forte come il territorio ma avvolgenti e aggraziati, il progetto aziendale.  Continue reading

Tutte le novità di Expo Cook… l’evento dedicato alla ristorazione

 

Sono numerose le novità della terza edizione di Expocook che si svolgerà dal 26 febbraio al 1 marzo, presso la Fiera del Mediterraneo di Palermo, alla quale prenderanno parte 130 aziende espositrici con un incremento del 10 % rispetto allo scorso anno. Il dato è emerso oggi durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento che si è svolta a Palermo presso l’I.P.S.S.E.O.A. Pietro Piazza.

Essere riusciti a portare in Sicilia  le aziende  più importanti del settore  ristorativo, è per noi motivo di grande orgoglio. – ha detto il project manager Fabio SciortinoVolevamo creare qualcosa di unico nel suo genere e crediamo, senza alcuna  presunzione, di esserci riusciti, ottenendo anche importanti patrocini che contribuiscono a rendere questa manifestazione una casa di tutti pronta ad accogliere il meglio delle eccellenze siciliane”.  Continue reading

San Valentino “Da Josè”. I cioccolatini buoni che fanno bene all’ambiente

PALERMO – Tra i pensieri sempre apprezzati a San Valentino ci sono i cioccolatini racchiusi in scatole più o meno belle e curate nei dettagli. A Palermo, l’Antica Pasticceria “Da Josè” per il 14 febbraio ha realizzato dei cofanetti in puro cioccolato per contenere le dolci praline. L’iniziativa vuole lasciare un segno tangibile contro la lotta ai materiali inquinanti come la plastica. L’idea delle scatole di cioccolato è stata realizzata dal giovane pasticcere  Giuseppe D’Amico insieme al fratello Gabriele. Entrambi portano avanti la storica pasticceria palermitana che fu prima del nonno e poi del padre. Le scatole contengono cioccolatini a forma di cuore realizzati con cioccolato extra-fondente, al latte e bianco, farciti con crema al pistacchio, cioccolato bianco, caffè, liquore.

Abbiamo voluto rendere omaggio all’amore con un gesto d’amore – affermano i due fratelli pastry chef – rendendo tutto commestibile e che non gravasse alle tasche degli innamorati. In questo modo le coppie acquisteranno un prodotto per intero, senza l’ingombrante scatola che il più delle volte contiene solo qualche pralina”.  Continue reading