Estate di Santa Ninfa. Ritorna l’appuntamento con la Sagra della salsiccia

SANTA NINFA – Estate… tempo di sagre e appuntamenti gastronomici entrati a far parte della tradizione dei luoghi. A Santa Ninfa, in provincia di Trapani, la sagra della salsiccia ha una lunga storia e il prossimo weekend ritorna per la sua XXIV edizione.
Un week-end, sabato 3 e domenica 4 agosto, colmo di piatti e ricette, iniziative, degustazioni, vini, musica, esibizioni e visitatori.
Dopo il successo degli anni passati, la XXIV edizione della Sagra della Salsiccia di Santa Ninfa prende il via all’insegna delle novità legate sopratutto alla preparazione creativa di piatti realizzati con l’ingrediente principe della manifestazione. Il Blogger Maurizio Artusi (cucinartusi.it) condurrà i cooking show in entrambe le serate con la partecipazione di due professionisti della cucina: gli chef Paolo Austero e Fabio Potenzano, entrambi con importanti esperienze professionali in Italia e all’estero.
Fondamentale, come ogni anno, la stretta sinergia tra la Pubblica Amministrazione, gli imprenditori e il mondo del volontariato. Anche quest’anno la gestione dell’evento, degli spazi espositivi, dell’animazione e dello stand gastronomico è stata gestita dall’amministrazione comunale, di concerto con le attività economiche locali. La sagra fa parte del calendario di eventi estivi della “Estate Santaninfese 2019”, che racchiude le iniziative principalmente legate ai sapori locali, alla cultura, alle arti e alle sue tradizioni.

Continua a leggere

5 giovani chef di talento raccontano la Sicilia al Charleston di Palermo

Bandi, Santalucia, Guidara, Torrisi, Corso

Sotto il cielo stellato di Mondello, in una calda serata d’estate, cinque giovani chef sono stati i protagonisti della cena evento “Giovani e talenti. La Sicilia degli chef si racconta”, andata in scena al Charleston di Palermo. Davide Guidara, chef dell’Eolian Ristorante Milazzo” di Milazzo, Nicola Bandi, chef “Osteria Il Moro” di Trapani, Peppe Torrisi, chef del “Talè Restaurant & Suite” di Piedimonte Etneo, Vincenzo Santalucia, chef de “La Scala” di Agrigento,  e il resident chef del Charleston di Mondello, Santino Corso hanno dimostrato di avere le carte in regola  per entrare nel firmamento della ristorazione siciliana di eccellenza. L’idea della proprietà dello storico e rinomato Ristorante della borgata marinara di Palermo, che lo scorso anno ha compiuto 50 anni, è stata molto apprezzata dal pubblico presente e dalla stampa di settore. Selezionare e mettere insieme cinque promesse della ristorazione siciliana, provenienti da 5 province dell’isola, è cosa non da poco. Lo sforzo organizzativo è stato ripagato dalle emozioni che i cinque hanno regalato. Ciascuno ha raccontato la propria personalità e il proprio stile attraverso i piatti scelti per la serata, dai più semplici ai più complessi.

Davide Guidara

Davide Guidara, il più giovane dei cinque, classe 1994, punta tutto su una cucina di perfezione e tecnica, fatta da pochi elementi che vengono esaltati al massimo nel gusto e nella presentazione. In lui c’è il costante bisogno di creare, sperimentare e spingersi oltre i confini già scritti della cucina tradizionale. Per la serata, Guidara ha presentato il piatto “Pane, pomodoro e alici” con solo 3 elementi lavorati ad arte: l’alice è marinata in acqua di pomodoro, la salsa è di pomodori calcificati, la purea è di pomodoro siccagno, il pane è reso croccante, il basilico va a profumare la preparazione.

“Pane, pomodoro e alici”

Nicola Bandi, classe ’86, rappresenta la cucina del territorio in chiave gourmet nel pieno rispetto della stagionalità. Nel locale di proprietà, che gestisce con il fratello Enzo, sceglie con grande attenzione le materie prime dei piccoli produttori locali da lavorazioni ecosostenibili ma non disdegna le eccellenze extra territoriali. Alla serata del Charleston ha presentato due piatti: il “Pane cunzato” in  versione al cucchiaio realizzato con una crema di grani antichi sifonata con acqua di pomodoro, sarde affumicate, origano, polvere di olive, croccante di pane, tuma persa e basilico croccante, e lo “Sformatino di sarde su crema di Parmigiano e gocce di Cerasuolo di Vittoria”, convincente espressione della vera cucina siciliana.

“Sformatino di sarde su crema di Parmigiano e gocce di Cerasuolo di Vittoria”

Vincenzo Santalucia, patron chef del ristorante a Agrigento, ha portato al Charleston la sua idea di cucina siciliana semplice, gustosa, con un tocco di innovazione e tanta memoria. Il ricordo è ai piatti dell’infanzia, al comfort food. Chi non conserva gelosamente nei cassetti della memoria il gusto della pasta ripassata in padella, preparata ad arte dalle nonne? Così Santalucia presenta la sua “Pasta alla Norma croccante con nuvola di Parmigiano”. Per regalare la migliore croccantezza alla pasta, lo chef sceglie i capellini d’angelo e li serve con mousse di melanzana, spuma di Parmigiano e melanzana croccante.

“Pasta alla Norma croccante con nuvola di Parmigiano”

Continua a leggere