Cibo Nostrum, a Taormina va in scena la solidarietà con 43 mila euro devoluti a scopo benefico

 

Oltre 30 mila persone hanno affollato il Corso Umberto in occasione del Taormina Cooking Fest di “Cibo Nostrum”. La grande festa della cucina italiana, giunta alla settima edizione e cresciuta di anno in anno, è ormai un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati gourmet. Ideata da Seby Sorbello, Presidente FIC Promotion, chef patron del Sabir Gourmanderie di Zafferana Etnea, e Pietro D’Agostino, Presidente Sicilia di Chic Chef e chef patron del Ristorante stellato “La Capinera” di Taormina, la manifestazione porta la firma di FEDERAZIONE ITALIANA CUOCHI, in collaborazione con numerosi partners, a cominciare da Chic Chef, Con.Pa.It. e Le Soste di Ulisse, cui si aggiungono numerose aziende dell’agroalimentare ed una cinquantina delle migliori cantine siciliane. Cibo Nostrum ha accolto chef e pasticceri provenienti da tutta Italia e dall’estero e prestigiose firme del panorama giornalistico nazionale, da Edoardo Raspelli, critico gastronomico e conduttore televisivo, a Gioacchino Bonsignore, direttore di Tg5 Gusto, da Roberta Schira, scrittrice e giornalista del Corriere della Sera, a Luca Iaccarino de La Repubblica, da Marco Mangiarotti de Il Giorno a Fabio Riccio, giornalista e critico gastronomico dell’Espresso, da Carlo Passera di Identità golose a Francesca Barberini, volto di Alice Tv e Antonio Di Trento, giornalista di Radio Show Italia. Presenti anche tanti vip, tra questi Guglielmo Mariotto, giudice di Ballando con le stelle, e il cantante Roy Paci, entrambi testimonial del MoiGE.

Il successo del Taormina Cooking Fest è stato superiore alle aspettative. I numeri parlano chiaro: 95 mila degustazioni e 56 mila euro raccolti. Lo scopo della manifestazione è benefico e i soldi raccolti verranno così distribuiti: 15 mila euro alla Fondazione LIMPE per la lotta al Parkinson, 15 mila al Moige per il contrasto al cyberbullismo e 13 mila al Dipartimento Solidarietà Emergenza della FIC.  Continue reading

La luce di Aurora 2017 brilla in solidarietà: 14 mila euro raccolti per Dynamo Camp

3

Tanti nuovi giochi e attività per i bambini di Dynamo Camp e un solo nome che ha reso possibile tutto questo: Marco Baglieri, chef e patron del Ristorante “Crocifisso” di Noto, che ha ideato un evento di spessore all’insegna dell’amicizia e quasi fratellanza con i tantissimi chef e produttori presenti all’evento.  “La Luce di Aurora” – giunto alla seconda edizione – si conferma un appuntamento in cui è bello essere presenti. Anche quest’anno, è stato un successo di pubblico (oltre 400 gli ospiti che hanno preso parte alla serata) e la solidarietà non è mancata: sono stati raccolti 14 mila euro tra biglietti acquistati e donazioni, che, esclusi i costi, saranno devoluti a Dynamo Camp, charity partner della manifestazione.

2

Un luogo magico “Allegroitalia Siracusa Golf Monasteri” circondato dal verde, una piacevole serata d’autunno siciliano, tanto divertimento e, al centro di tutto, le preparazioni di oltre 40 chef, molti dei quali stellati Michelin e componenti delle Soste di Ulisse. Accanto a Pino Cuttaia, Ciccio Sultano, Tony Lo Coco, Pietro D’Agostino, Massimo Mantarro, Giovanni Santoro, Martina Caruso, Seby Sorbello, Alfio Visalli, c’erano tantissimi giovani talenti che hanno dato il loro contributo all’evento: Peppe Raciti, Simone Strano, Gianluca Lizzio, Bruno Agatino, Lorenzo Ruta, Oste Bonsignore, Peppe Causarano, Riccardo Cilia, Salvatore Vicari, Rosario Umbriaco, Ludovica Raniolo, Valentina Chiaramonte. Continue reading