L’evento più goloso. A Palermo torna Sherbeth, il festival internazionale del gelato artigianale

 

Conto alla rovescia per la decima edizione di Sherbeth 2018, il festival internazionale del gelato artigianale che dal 27 al 30 settembre animerà Il centro storico di Palermo, nell’area compresa tra via Maqueda, corso Vittorio e piazza Verdi.  L’evento è organizzato da Admeridiem, con la direzione tecnica dei maestri gelatieri Antonio Cappadonia e Giovanna Musumeci. L’ appuntamento con il pubblico dei golosi, stampa ed addetti ai lavori è per giovedì 27 settembre alle 18.30 con l’inaugurazione ufficiale dell’evento, inserito nel programma di Palermo Capitale della Cultura italiana 2018, e con la partecipazione di numerosi giornalisti di testate nazionali ed internazionali. Domenica sera alle 22.00 si concluderà con il prestigioso concorso che vedrà in gara i cinquanta maestri gelatieri selezionati per l’assegnazione del trofeo dedicato al padre storico ed ambasciatore del sorbetto in Europa, il siciliano Francesco Procopio Cutò, fondatore dello storico Cafè Procope di Parigi.

 “Il programma è per questa decima edizione ancora più ricco” – spiegano gli organizzatori di Admeridiem, che sottolineano come Sherbeth sia diventato negli anni il più importante appuntamento internazionale del settore del gelato. Quattro giorni di cooking show, laboratori aperti al pubblico, talk culturali, presentazioni di libri, attività a tema per i bambini con giochi passeggiate ed itinerari per scoprire gusti e sapori, tour d’arte nel centro storico e spettacoli serali.
 Attorno al tema del gelato artigianale, prodotto con ingredienti di altissima qualità, minimo contenuto di zuccheri e di grassi ed esclusivamente addensanti naturali, si cimenteranno i migliori maestri gelatieri provenienti da tutto il mondo, incluso il Giappone, che si era già aggiudicato il trofeo 2017. Sarà l’occasione per scoprire i gusti innovativi e le proposte provenienti da molto lontano, dal Messico, Stati Uniti, centro Europa, isole Cayman, Bolivia e Brasile.
Un grandioso laboratorio, diretto da Arnaldo Conforto e Ruben Pili, lavorerà no stop per produrre centinaia di migliaia di gelati, che saranno degustati e valutati dalla giuria del festival presieduta da esperti nazionali del settore.  Due infatti sono i concorsi previsti: il trofeo Procopio Cutò, affidato alla giuria di esperti gelatieri e giornalisti, che sceglieranno il gelato migliore come metodologia di preparazione e qualità, ed il concorso popolare, che attraverso il sito vedrà votato il gusto preferito dal grande pubblico.
 IL CANALE TV INTERNAZIONALE GIAPPONESE NHK SEGUIRA’ SHERBETH PER DEDICARE UN PROGRAMMA AL GELATO DI QUALITA’ 
Quest’ anno l’evento sarà seguito nei suoi momenti enogastronomici dalle telecamere della più importante emittente tv e radio giapponese, il canale internazionale NHK che trasmette via cavo satellite e streaming, con milioni di utenti nel mondo ed una radio in 18 lingue.   Una troupe sarà ospite dell’organizzazione per rivelare i segreti della pasticceria e della gelateria italiana in un programma di mezzora dedicato al lavoro del gelatiere Taizo Shibano, dal titolo “Professional Work” con le immagini spettacolari dei gelatieri al lavoro, dei momenti del festival e del centro storico di Palermo. Taizo, vincitore del trofeo Cutò 2017, è ormai una star per il pubblico giapponese, per aver riproposto il gelato italiano di qualità, un concept contrario a quello di ice cream industriale americano.
SAPORI DAL MONDO
 Ecco alcune curiosità. I tre maestri giapponesi in gara proporranno il gusto di nocciola abbinato alle fave di tonka e il gelato al fiore di ciliegio e cioccolata bianca.
Non meno interessanti i siciliani in concorso: otto gelaterie che puntano sul gusto classico ed intramontabile, l’eccellenza che ha reso famoso il gelato isolano nel mondo. Le granite ed i gelati di frutta stagionale, fichi, carruba, pistacchio di Bronte, cioccolato di Modica, con qualche novità nel salato, incluso con l’abbinamento di pomodoro e basilico.  I gelati pugliesi si dividono tra la tradizionale mandorla, ed il gelato al melograno e profumi di lime e zenzero. La Sardegna punta ai profumi dell’elicriso.
Tra i gusti dei maestri gelatieri del centro nord Italia, fioccano le novità: lamponi e caprino dal Lazio, pere e grappa o mosto d’ uva dall’ Emilia, la castagna ed il cioccolato del Trentino, la Toscana che proporrà un caffè bianco e mandorla, la Lombardia con insolito cioccolato, lime e sale.
Ma le vere novità vengono dall’ estero. Si tratta spesso di maestri gelatieri di origini italiane, che hanno operato fusioni nei gusti locali. Dalla Bolivia un dulce de leche, dalle isole Cayman un gelato all’ infuso di Ibisco con miele e succo d’ arancia, dal Messico, dagli Usa, un maple a base di noci pecan tostate.
Main sponsor dell’iniziativa si conferma l’azienda italiana di componentistica Bravo, azienda italiana produttrice di macchine per gelateria, pasticceria e cioccolato, leader di settore, che curerà numerosi momenti della manifestazione.

Continue reading

Le nuove frontiere del “Gelato Contemporaneo” alla cena di gala dell’Eolian Ristorante

 

Può l’amato gelato sconfinare dai canoni del dolce e incontrare il salato? Immaginate un gelato gastronomico di scampi, un sorbetto con acciughe, olive e capperi o un semifreddo con spinaci, pomodoro, oliva minuta. La novità a cui abituarsi, al di là del gusto, è l’abbinamento dell’elemento dolce e freddo al piatto caldo e salato. Anche questo confine è stato superato dalla cucina contemporanea e, per discutere di questa tendenza Food del 2018 che sta prendendo piede anche nel nostro Paese, si è svolta a Milazzo GeCo, la rassegna del Gelato Contemporaneo, ideata e realizzata per abbattere i confini della cucina convenzionale. L’evoluzione di granite, semifreddi e gelati, l’introduzione della tecnologia, l’inserimento delle fibre nelle ricette, le macchine innovative che non utilizzano acqua brevettate da un azienda di Reggio Emilia, sono stati alcuni dei temi trattati durante i due giorni di alta formazione con professionisti del settore provenienti da tutta Italia.

L’evento clou è stata la Cena di Gala che si è svolta ieri sera all’Eolian Ristorante Milazzo. Dietro i fornelli, il brillante chef della struttura alberghiera Eolian, Davide Guidara, che ha proposto i suoi piatti in abbinamento a sorbetti e gelati preparati da sei professionisti del settore: Luca Bernardini della gelateria Fuori dal Centro Lucca, Simone De Feo della Cremeria Capolinea di Reggio Emilia, miglior gelatiere 2017, Gianfrancesco Cutelli, della gelateria De Coltelli Pisa, miglior gelatiere 2015, Giovanna Musumeci, condirettrice di Sherbert Festival, Ida Di Biaggio, Presidente Conpait Gelato, e  Rosario Leone D’Angelo, di Sikè Gelato Milazzo.

Ad aprire la cena ci ha pensato Luca Bernardini che ha stupito i commensali con la sua “Scultura di oliva minuta con sorbetto di pomodoro, glassa di olio extravergine di minuta e  anima croccante”.

Scultura di oliva minuta con sorbetto di pomodoro, glassa di olio extravergine di minuta e  anima croccante

Il gelatiere lucchese che utilizza stampi ad hoc per le sue creazioni dolci-salate ha realizzato un semifreddo agli spinaci con ripieno di freschissimo sorbetto al pomodoro, adagiato su una base di bisquit all’olio di oliva. L’antipasto è stato abbinato al sidro di pere “Maderè” dell’azienda agricola LangheroContinue reading

“Gelato Contemporaneo”, Francesco Arena tra i grandi protagonisti della rassegna sulle nuove frontiere del gelato

Nelle iniziative che contano e che hanno un fine benefico Francesco Arena c’è. Il bakery chef messinese del Panificio Masino Arena di S.Agata (Messina), Ambasciatore del Gusto, e membro del prestigioso Richemont Club,  parteciperà a Gelato Contemporaneo, la rassegna sulle nuove frontiere del gelato che si svolgerà a Milazzo dal 12 al 14 giugno. GeCo nasce come piattaforma di sperimentazione sul mondo del gelato, che è in continua evoluzione. Gelatieri, chef, artigiani, food designer, profumieri, distillatori e produttori di macchine innovative si confronteranno nella 3 giorni della rassegna.

Sono due gli appuntamenti a cui prenderà parte Francesco Arena. Il 13 giugno sarà presente all’Eolian Ristorante Milazzo, in occasione della cena evento ideata per abbattere i confini della cucina convenzionale e guidata dal brillante chef di casa, Davide Guidara, alla quale saranno presenti anche Simone De Feo della Cremeria Capolinea di Reggio Emilia, miglior gelatiere 2017, Rosario Leone D’Angelo, di Sikè Gelato Milazzo, Gianfrancesco Cutelli, della gelateria De Coltelli Pisa, miglior gelatiere 2015, Luca Bernardini della gelateria Fuori dal Centro Lucca, food designer, Ida Di Biaggio presidente Conpait Gelato, e Giovanna Musumeci, condirettrice di Sherbert Festival.  Continue reading

“Prima dell’estate/Prima dell’inverno”la grande Festa di Primavera al Signum

“Prima dell’estate/Prima dell’inverno”. La Primavera all‘Hotel Signum di Salina si apre con un grande evento enogastronomico che va fuori dagli schemi convenzionali. Un appuntamento per assaporare le eccellenze del nostro territorio, insieme a produttori e artigiani del gusto, e confrontarsi sui temi legati al cibo e al vino con piacevoli incontri ed interessanti scambi di opinioni a tema culinario ed enoico. Nella splendida cornice delle Eolie, una festa che fonde gli odori e i sapori siciliani con esperienze e prodotti in un viaggio lungo lo stivale che fa tappa a Crotone, a Milano e ad Oslavia.
 Ad ospitare l’evento un’ambientazione incantevole, l’Hotel Signum, con la sua terrazza ed i suoi giardini,  una perla nel Mediterraneo.  Il contatto con la terra, con la bellezza, con l’autentico”: così la famiglia Caruso sintetizza la sua filosofia.
Il via all’evento è fissato per il giorno 20 aprile, con accoglienza prevista entro le ore 18. Dalle 19 infatti si apriranno le danze: la festa in terrazza con cena in piedi sarà a cura dello chef del Signum Martina Caruso, giovane talento della scena culinaria nazionale, elogiata dalla critica come una delle migliori interpreti dell’alta cucina e premiata con una stella Michelin.

Martina Caruso

 Impasti e lievitati saranno i protagonisti del dopocena con il maestro panificatore Davide Longoni che illustrerà la sua arte e coinvolgerà, mani in pasta, tutti gli ospiti.  Il panificio Longoni, storica insegna meneghina è rinomato per la qualità delle sue farine e dei suoi lievitati.  “Lievitazione naturale da pasta madre, con farine macinate a pietra e sale marino integrale”: questo è per Longoni il pane.

Continue reading