Davide Merlino nominato Ambasciatore Doc Italy per il gusto italiano nel mondo

Davide Merlino, il giovane allevatore di lumache con la passione per la cucina, ha ricevuto un importante riconoscimento per il suo lavoro. Nei giorni scorsi è stata ufficializzata la sua nomina ad Ambasciatore Doc Italy per il gusto italiano nel mondo. La cerimonia si è tenuta nelle sale del Campidoglio a Roma a cura dell’Associazione Nazionale Doc Italy presieduta da Tiziana Sirna.

Gli Ambasciatori Doc Italy sono insigniti di questo ruolo per il loro Amor Patrio, per la passione, la dedizione, l’impegno con cui svolgono il proprio lavoro, ognuno nel settore di competenza. La loro Mission è svolta istintivamente,  essendo modelli di comportamento, caratterizzati da straordinarie carriere, altissimo spessore e grande umiltà. «Un esempio– dichiara la presidente Sirna – per noi tutti e la speranza per un futuro pregno d’eccellenza. La loro etica, la loro morale, l’attaccamento ai propri territori– conclude la presidente – e le loro tradizioni li porta “naturalmente” con le loro vite a promuovere il Made in Italy, le sue eccellenze e la propria identità nazionale».  Continua a leggere

La lumaca madonita protagonista a Cibo Nostrum con il piatto gluten free di Davide Merlino

A Cibo Nostrum ha presentato il piatto “Chiacchiere tra Escargots”. Davide Merlino, che ama definirsi “Altramente Cuoco” è il giovane imprenditore siciliano che ha fatto la sua fortuna allevando lumache a Campofelice di Roccella, in provincia di Palermo. L’azienda Lumaca Madonita, creata con i due soci Michele e Giuseppe Sansone, è ormai nota a livello nazionale, anche grazie alle partecipazioni a Masterchef e ad altri programmi televisivi. Davide Merlino, responsabile marketing dell’azienda, ha unito la sua professione alla passione per la cucina e alla necessità di dover mangiare senza glutine. Così da qualche anno ha iniziato a dilettarsi nella preparazione di piatti gourmet a base di lumaca e di ricette senza glutine. Già da alcune edizioni prende parte all’evento Cibo Nostrum e il 31 marzo scorso in occasione dell’ottava edizione che si è svolta nella Villa Bellini di Catania ha preparato il piatto dal titolo: Chiacchiere tra Escargots. Il piatto, rigorosamente gluten free, era composto da una mousse di patate all’arancia sopra la quale troneggiava una “Escargot Madonita” sbollentata con un brodo aromatico e poi sfumata con liquore all’amaretto. A corredo sono state abbinate due salse: una rossa piccante e una verde al prezzemolo. Il tutto è stato completato con quadrotti di chiacchiere alla cannella e fiori eduli dell’azienda amica “Jungle Farm” di Andrea Calcione. Il bellissimo piatto che conteneva la preparazione è stato realizzato dall’artigiano Peppino LopezContinua a leggere

L’emozione è nel luogo e nella cucina del territorio. “Le Calette” di Cefalù tra mare e natura per una vacanza relax

La bella stagione è appena iniziata in Sicilia e tra le mete più gettonate nelle preferenze degli stranieri, e non solo, c’è la splendida Cefalù. Tra mito, storia, natura e un mare limpidissimo, la cittadina offre la vacanza ideale per tutti. Tra i luoghi che meritano di essere raccontanti e consigliati per una vacanza di mare e relax c’è il luxury hotel di Cefalù “Le Calette”, una struttura che ha da poco conquistato le 5 stelle e che gode di un setting naturale da fare invidia, a ridosso del mare, con 4 spiaggette private con vista sui Faraglioni, che sono riservate ai clienti della struttura: Caletta selvaggia, Caletta lounge, Caletta presidiana e Lido.

Caletta Selvaggia

L’Hotel – che è a soli 2 km dalla Cattedrale Normanna, nel centro storico di Cefalù – ha un panorama da sogno, da una parte la Rocca, dall’altra il porticciolo turistico Presidiana. L’accoglienza dei proprietari Francesca Cacciola e Angelo Miccichè è squisita, così come la professionalità del Direttore di grande esperienza Keswan Monien che cura con estrema precisione ogni piccolo particolare, affinchè la vacanza sia come la si è immaginata, perfetta e rigenerante.

Lo chef Nunzio Tomasello con il Direttore Keswan Monien

Keswan Monien – che in passato ha lavorato al Grand Hotel Villa Igiea di Palermo e che da alcuni mesi è arrivato a Le Calette – punta molto sulle grandi potenzialità della struttura. Oltre alla naturale collocazione dell’hotel, ci sono innumerevoli servizi per i clienti, dal mare alla piscina con vista, dal gazebo con i servizi benessere al campo da tennis fino all’organizzazione delle escursioni in tutta la Sicilia.  Continua a leggere

Una storia d’amore iniziata nel 2003: La Capinera dello chef Pietro D’Agostino

IMG_7235

Per Pietro D’Agostino, la cucina è una bella storia d’amore condita con creatività, servita con passione e con un pizzico di follia. “Ci si innamora degli ingredienti, della memoria che riaffora dai sapori e si finisce per amare anche chi porta a tavola le emozioni in un piatto”. Così lo chef 1 stella Michelin sintetizza il suo mondo, quello fatto di sacrifici ma soprattutto di soddisfazioni, collezionate dal 2003 ad oggi, nel suo Ristorante di Taormina mare “La Capinera”. Trentacinque coperti, vista sul mare dello Ionio dalle ampie vetrate o dalla terrazza panoramica, una grande attenzione  per i dettagli. In tavola c’è tutta la passione di chi sceglie ogni piccolo particolare, perché sono i particolari a fare la differenza: dai calici soffiati a bocca, agli eleganti centrotavola in porcellana di Caltagirone, sino ai piatti d’autore personalizzati, autentiche opere d’arte create dall’artigiano Peppino Lopez, architetto e artista che ha acquisito grande notorietà con il suo progetto Design for chefs in cui rievoca nelle sue creazioni la cultura della tradizione siciliana.

25593849_10213378263204054_8026045552198954725_n 2

Pietro D’Agostino crede nella magia di ogni piatto e attraverso gli ingredienti racconta la storia di un territorio. Nella sua cucina sceglie i migliori prodotti siciliani come la ricotta e i formaggi dei Nebrodi, il salame di Sant’Angelo di Brolo, le lenticchie di Ustica, la lumaca madonita, le mandorle di Noto, il pistacchio di Bronte, il cioccolato di Modica, i capperi di Salina, il limone di Interdonato. Propone una cucina semplice in cui rispetta la materia prima, il pesce fresco e le verdure di stagione che si esaltano, di volta in volta, nella combinazione di colori e sapori. Gioca con i contrasti e insegue gli equilibri portando avanti la sua idea di cucina sempre innovativa ma legata alla tradizione siciliana. L’essenza del suo amore per la Sicilia e per le eccellenze che l’Isola esprime, oltre che nei suoi piatti, sta nel suo progetto. Pietro firma la linea di prodotti “Io Pietro D’Agostino”, selezionati accuratamente con i produttori: Continua a leggere