Valerio Vermiglio non sbaglia un colpo, dalla pallavolo alla ristorazione con lo stellato Maurizio Bufi

IMG_3295

Di medaglie e coppe ne ha vinte tante. Ama le sfide e si nutre di emozioni, è sempre alla ricerca di nuovi stimoli. E’ il campione di pallavolo Valerio Vermiglio, 41 anni messinese. “La pallavolo è stata linfa e sangue nelle mie vene. Finché sono stato me stesso, spensierato, ho fatto i numeri – ha affermato il pallavolista – quando poi è diventato lavoro ho perso gli stimoli”. Vermiglio adesso punta a far crescere ed allenare nuovi piccoli campioni, ma c’è una nuova passione che scorre nelle sue vene e che condivide con la moglie Caterina. Si chiama “Rosso Vermiglio Restaurant Music Club”, è il locale di nuova concezione inaugurato il 3 dicembre scorso a Marsala che unisce l’alta ristorazione con il divertimento.

Nei tanti anni trascorsi a Treviso per lavoro, Vermiglio ha raccolto spunti per portare in Sicilia qualcosa di straordinario che ancora non c’era, un music club dove poter trascorrere momenti goliardici, lasciarsi andare, staccare la spina e azzerare lo stress. “Per noi sportivi era così – spiega Vermiglio – era necessario eliminare l’adrenalina. Divertendoci insieme, riuscivamo ad abbattere le barriere e gli attriti tra compagni”.

L’idea vincente di Rosso Vermiglio è legare al divertimento due ingredienti, tra i più ricercati: l’alta cucina ed il buon bere. Nulla è lasciato al caso nell’ex convento ristrutturato con grande gusto. Si punta davvero all’eccellenza. Non a caso, a guidare la cucina del nuovo Ristorante gourmet di Marsala è stato scelto lo chef Maurizio Bufi, fresco della conquista della sua prima stella Michelin a Villa Giulia, sul Lago di Garda. Bufi ha una cucina mediterranea e creativa, predilige le tecniche di cottura che preservano il gusto ed utilizza nei suoi piatti i prodotti del territorio. La sua cucina riesce a unire con maestria tre territori, la Puglia in cui è nato, il lago di Garda e ora anche la Sicilia. Continue reading

La cucina d’autore dello chef bistellato Massimo Mantarro

22008097_1944387085817853_638110991755664114_n

Nel cuore di Taormina, tra terra e mare, nella magica cornice di un ex monastero che racchiude secoli di storia, arte, eleganza, fascino, sorge il Ristorante 2 stelle Michelin “Principe Cerami”. Intitolato al nobile siciliano a cui si deve la trasformazione del monastero in un hotel, il ristorante è gestito dall’Executive Chef Massimo Mantarro.

Appassionato interprete della tradizione gastronomica siciliana, Mantarro propone un menù creativo e innovativo, fortemente ispirato all’eredità della Sicilia. Umiltà, talento, estro e una grandissima preparazione contraddistinguono lo chef, il cui nome è ormai, di diritto, annoverato nella top list dei grandi maestri della cucina siciliana e italiana.

La cucina del bistellato Mantarro interpreta in chiave moderna la tradizione isolana, sorprende con accostamenti eleganti e sempre perfetti tra terra e mare, esalta i sapori, rispetta il ciclo della natura e la stagionalità dei suoi prodotti e conquista al primo sguardo. Se la cucina è arte, Mantarro è uno di quei grandi artisti che lasciano il segno nella memoria. I suoi piatti sono autentici dipinti, impossibili da dimenticare.

Sedersi alla tavola raffinata del Principe Cerami è quasi un privilegio, con soli 7 tavoli nella sala interna, intima ed elegante, tra le luci soffuse e le ampie vetrate dalle quali si scorge il panorama incantevole di Taormina. In estate poi lo scenario è dei più belli, cenando nella terrazza con vista sulla città e sul mar Ionio.  Continue reading