Peppe Torrisi è il miglior chef emergente del Sud Italia. Domani la finale nazionale


Peppe Torrisi, siciliano, classe ’90, è il miglior chef emergente del Sud Italia. La proclamazione è avvenuta ieri a Roma in occasione del Festival della Gastronomia “Una Festa per il palato” ideato da Witaly, in programma alle Officine Farneto fino a domani.

Da oltre 15 anni Luigi Cremona e Lorenza Vitali selezionano le migliori giovani leve delle cucine di tutta Italia. Domani è in programma la finale nazionale, che proclamerà il “Miglior Chef Emergente d’Italia 2018”. Un evento cresciuto negli anni che vede sfidarsi i migliori chef under 30, quelli che un domani saranno i protagonisti della grande cucina italiana. Questo Premio nel passato ha premiato e valorizzato numerosi giovani chef a quel tempo sconosciuti che poi sono pian piano diventati famosi. Citiamo tra i tantissimi: Vincenzo Candiano, Marco Martini, Antonia Klugmann, Olivier Piras, Cristoforo Trapani, Matteo Metullio, Stefano Deidda, Marco Ambrosino, Francesco Brutto, ecc…

intanto Peppe Torrisi, – chef del Talé Restaurant & Suite a Piedimonte Etneo in provincia di Catania – si gode questo primo grande risultato. “E’ stata una bellissima esperienza – ha commentato a caldo Peppe Torrisi – ho portato in questa gara la tradizione siciliana e i nostri sapori che non passano mai di moda“.

Panino di grani antichi siciliani con salsiccia di maialino nero dei Nebrodi, funghi di Ferla, cavuliceddi e provola di Foresta

Peppe Torrisi ha gareggiato e trionfato con un “Finto risotto di spaghetti ai tre pomodori, ricotta e basilico” e con un “Panino di grani antichi siciliani con salsiccia di maialino nero dei Nebrodi, funghi di Ferla, cavuliceddi e provola di Foresta” presentato su un ardesia in pietra lavica realizzata dallo chef.

In vista della finalissima, oggi Torrisi ha affrontato la prova dei fritti, domani ci sarà la prova più impegnativa, la mistery box che decreterà il vincitore nazionale. Un grande in bocca al lupo al nostro talentoso chef siciliano!

Per saperne di più:

Peppe Torrisi inizia il suo percorso con gli studi all’istituto alberghiero; sin da allora concilia lo studio con il lavoro. La sua passione per la cucina nasce dall’insegnamento trasmesso dalla nonna che ancora oggi è un’ottima cuoca. Finiti gli studi parte per la Svizzera girando diverse catene alberghiere da San Moritz, Verbier, Losanna, Montreux fino ad arrivare in Francia in Bourgogne dal grande chef Bernard loiseau. Negli ultimi anni ha deciso di ritornare nella sua terra natale, dove orgogliosamente diventa lo chef del Talè, il bellissimo resort sulla riviera ionica. Giuseppe, quando parla di sè, si definisce così: “Sono una persona socievole, scherzosa ma molto precisa e puntigliosa nella vita professionale. Non só quale sorpresa mi riserverà il futuro, ma qualunque cosa accadrà non smetterò mai di seguire la mia passione.” Peppe Torrisi fa parte del gruppo “Chef con la coppola” fondato insieme a Simone Strano, Giuseppe Raciti e Giovanni Grasso.

Médousa Bistrot & Suites, intima e raffinata novità nel cuore di Taormina

Médousa Bistrot & Suites è una piacevole scoperta nel centro storico di Taormina, a pochi passi dal Corso Umberto, la via dello shopping e del passeggio taorminese. Una incantevole struttura, eccellente per ospitalità, servizi e offerta enogastronomica. Un bistrot, innanzitutto, dove poter godere fino a tarda notte di una serata charmant sorseggiando gli straordinari cocktails del bartender Christian Sciglio, nome di punta oltre che founder dell’esclusivo Morgana Lounge Bar. Sciglio, figlio d’arte, che ha ereditato la passione dal padre, storico bartender di Taormina, crea autentici capolavori con un tocco sempre creativo, utilizzando ingredienti e infusi preparati nel suo laboratorio.

Christian Sciglio

Inaugurato ad agosto, il Médousa Bistrot ha puntato da subito anche su una cucina del territorio di grande livello, creativa quanto basta, scegliendo un giovane chef del territorio già molto conosciuto per la sua cucina gourmet. Giovanni Grasso, 31 anni, catanese, fa parte del gruppo di “Chef con la coppola” formato con Simone Strano, Giuseppe Raciti e Giuseppe Torrisi.

Giovanni Grasso

Passato dalle cucine stellate de “La Capinera” di Taormina di Pietro D’Agostino, Giovanni è stato per molti anni a La Plage Resort (sempre a Taormina), prima con il ruolo di responsabile della cucina banqueting e di capo partita turnante presso il Ristorante Fusion, poi dopo altre esperienze all’estero vi ha fatto ritorno come executive chef. Grande appassionato ed esperto di sushi, si è formato anche in Giappone, presso Sushiyoshi, 2 Stelle Michelin, dove ha collaborato con uno dei più grandi Maestri di sushi, lo Chef patron Hiroki Nakanoue.

Adesso lo chef Giovanni Grasso, oltre ad essere parte attiva e fondamentale del gruppo di “Chef con la coppola”, ha intrapreso da pochi mesi questa nuova avventura a Taormina e sta già ottenendo grandi risultati. La sua è una cucina attenta alle materie prime del territorio e rispettosa della tradizione, mai banale.

Lo chef interpreta le ricette classiche con un tocco creativo e riesce a regalare una interessante esperienza di gusto agli ospiti della struttura. Questo ristorantino arredato in stile contemporaneo, con toni caldi e colorati, e con cucina a vista, è la vera novità di Taormina.  Continue reading

Cibo Nostrum, a Taormina va in scena la solidarietà con 43 mila euro devoluti a scopo benefico

 

Oltre 30 mila persone hanno affollato il Corso Umberto in occasione del Taormina Cooking Fest di “Cibo Nostrum”. La grande festa della cucina italiana, giunta alla settima edizione e cresciuta di anno in anno, è ormai un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati gourmet. Ideata da Seby Sorbello, Presidente FIC Promotion, chef patron del Sabir Gourmanderie di Zafferana Etnea, e Pietro D’Agostino, Presidente Sicilia di Chic Chef e chef patron del Ristorante stellato “La Capinera” di Taormina, la manifestazione porta la firma di FEDERAZIONE ITALIANA CUOCHI, in collaborazione con numerosi partners, a cominciare da Chic Chef, Con.Pa.It. e Le Soste di Ulisse, cui si aggiungono numerose aziende dell’agroalimentare ed una cinquantina delle migliori cantine siciliane. Cibo Nostrum ha accolto chef e pasticceri provenienti da tutta Italia e dall’estero e prestigiose firme del panorama giornalistico nazionale, da Edoardo Raspelli, critico gastronomico e conduttore televisivo, a Gioacchino Bonsignore, direttore di Tg5 Gusto, da Roberta Schira, scrittrice e giornalista del Corriere della Sera, a Luca Iaccarino de La Repubblica, da Marco Mangiarotti de Il Giorno a Fabio Riccio, giornalista e critico gastronomico dell’Espresso, da Carlo Passera di Identità golose a Francesca Barberini, volto di Alice Tv e Antonio Di Trento, giornalista di Radio Show Italia. Presenti anche tanti vip, tra questi Guglielmo Mariotto, giudice di Ballando con le stelle, e il cantante Roy Paci, entrambi testimonial del MoiGE.

Il successo del Taormina Cooking Fest è stato superiore alle aspettative. I numeri parlano chiaro: 95 mila degustazioni e 56 mila euro raccolti. Lo scopo della manifestazione è benefico e i soldi raccolti verranno così distribuiti: 15 mila euro alla Fondazione LIMPE per la lotta al Parkinson, 15 mila al Moige per il contrasto al cyberbullismo e 13 mila al Dipartimento Solidarietà Emergenza della FIC.  Continue reading

Cibo Nostrum: dal 20 al 22 maggio ritorna la Grande Festa della Cucina Italiana

C’è grande attesa per la 7^ edizione di Cibo Nostrum, la grande Festa della Cucina Italiana che si svolgerà dal 20 al 22 maggio tra l’Etna e Taormina. Il prestigioso evento porta la firma della Federazione Italiana Cuochi e si avvale di numerosi partners di prestigio,  quali Chic – Charming Italian Chef, Con.Pa.It. e Le Soste di Ulisse, mentre sono già in molti i produttori di eccellenze agroalimentari che stanno aderendo, come collaboratori e come sponsor. Tanti gli appuntamenti alle falde del vulcano e nella “Perla dello Jonio” con migliaia di chef, giornalisti e produttori. Le premesse ci sono tutte perché quest’anno si possa parlare di edizione dei record, poiché sono già tantissime le adesioni registrate. La manifestazione, anche per quest’anno, conferma il suo spirito di solidarietà e la giornata del 21 maggio dedicata al TAORMINA COOKING FEST, sarà allestita a scopo benefico.

Pietro D’Agostino

Oltre a sostenere la ricerca scientifica contro il Morbo di Parkinson, devolvendo i fondi raccolti alla Fondazione LIMPE Onlus dell’Università di Messina, il 2018 vedrà anche il sostegno alla campagna contro il Cyberbullismo, con la presenza attiva del MOIGE, il Movimento Italiano Genitori, rappresentato direttamente dal suo direttore, Antonio Affinita, con cui la Federazione Italiana Cuochi collabora da anni nelle iniziative sociali. Non è un caso, infatti, che la Federazione organizzi l’evento con il suo DSE – Dipartimento Solidarietà Emergenze, che già in altri contesti è intervenuto e interviene a livello nazionale a sostegno della popolazione, come durante il terremoto dei mesi scorsi nel Centro Italia.

“Questo appuntamento – dichiara il presidente nazionale FIC, Rocco Pozzuloconferma ancora una volta come la cucina italiana non rappresenti soltanto una bella e ricca tradizione del nostro Paese, ma anche qualcosa di concreto su cui contare sul fronte sociale e della solidarietà. Siamo davvero lieti di avere inserito la manifestazione nel calendario degli eventi nazionali FIC e siamo certi che quest’anno supereremo ogni aspettativa in termini di gusto e di qualità”.

Seby Sorbello

“La nostra segreteria è già attiva da mesi e a fine 2017 avevamo già compiuto le prime riunioni organizzative – fanno sapere Seby Sorbello, presidente di FIC Promotion, e Pietro D’Agostino, presidente di Chic Chef per la Sicilia – e vi assicuriamo che i nostri telefoni non hanno mai smesso di squillare per le adesioni all’evento, da quando abbiamo annunciato la nuova edizione. Ancora una volta il nostro desiderio di rilanciare e valorizzare un territorio unico al mondo come l’Etna e Taormina, sta prendendo concreta forma in una manifestazione altrettanto unica”. 

Continue reading

Archiviata con successo la 2^ edizione della “Festa dei Cuochi Etnei”

Prima che un’associazione, i Cuochi Etnei sono una grande famiglia e, come sempre succede nelle belle famiglie, ritrovarsi è sempre una festa. Così ieri è prevalsa la voglia di stare insieme, di scambiare opinioni, di condividere esperienze. Centinaia di soci e una folta schiera di giornalisti e esperti del settore hanno preso parte alla 2^ edizione della “Festa dei Cuochi Etnei” che si è svolta nella suggestiva cornice dell’Esperia Palace Hotel di Zafferana Etnea, alle pendici del Vulcano. La giornata ha preso il via con il saluto del presidente dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei, Seby Sorbello, del segretario Vincenzo Mannino e dei componenti il direttivo. “Stare insieme, condividere le nostre esperienze sia professionali che umane, è il primo aspetto che ci contraddistingue, – ha detto Seby Sorbello – unito al conseguimento di una costante crescita culturale. Siamo lieti di avere arricchito il nostro calendario di appuntamenti, già molto fitto, con un altro prestigioso evento che sin dall’inizio abbiamo definito la Festa per Te, dove al centro c’è il socio, giovane o anziano che sia, allievo o cuoco professionista”.

Tanti, infatti, e di tutte le età erano i soci presenti, con gli Istituti Alberghieri del territorio salutati dal segretario e docente Vincenzo Mannino: gli Istituti “Eredia” e “Karol Wojtyla” di Catania, “Giovanni Falcone” di Giarre” e “Rocco Chinnici” di Nicolosi. Tutte scuole dove si stanno svolgendo coinvolgenti corsi di formazione professionale gratuiti per soci e allievi, così come previsto dai programmi dell’Unione Regionale Cuochi Siciliani e della Federazione Italiana Cuochi. Di queste ultime sono arrivati i saluti dei presidenti Domenico Privitera e Rocco Pozzulo.

Molto coinvolgente il momento dedicato ai cooking show in cui alcuni chef si sono messi in gioco proponendo alcuni dei loro piatti. Il primo a cimentarsi con ben due preparazioni è stato lo chef del Ristorante Talè di Piedimonte Etneo, Peppe Torrisi che, supportato dai colleghi Mario Casu e Gaetano Intelisano, ha dato prova della sua bravura e del suo personale stile, preparando due antipasti, l’Opa di PrimaveraIl mio Uovo di Pasqua. Con semplicità e chiarezza Torrisi ha spiegato passo passo tutte le fasi delle preparazioni, e ha realizzato due bellissimi piatti.

Opa a Primavera di Peppe Torrisi

Continue reading

La cena degli chef con la coppola al Ristorante Al Duomo di Taormina

19959244_10213693431078068_6100291225177894758_n

Un viaggio nel gusto, una serata all’insegna dell’allegria e della buona cucina siciliana fatta di amore per il territorio e per i suoi frutti e rivisitata in chiave moderna da quattro chef con la coppola. Simone Strano, Giovanni Grasso, Peppe Torrisi e Gianluca Lizzio (quest’ultimo in sostituzione di Giuseppe Raciti, executive chef dell’hotel di charme Zash) hanno centrato l’obiettivo e coccolato gli ospiti presenti il 12 luglio scorso al Ristorante “Al Duomo” di Taormina con il menù, non a caso ribattezzato “Ospitalità siciliana”. Dalla panzanella con ventresca di tonno, alla pasta fresca 30 tuorli con farcia di calamari, frutti di mare e tenerumi, passando per uno dei simboli della Sicilia, l’arancino (o arancina) con triglia di scoglio, crostacei, capperi e cipolla infornata, e concludendo il percorso eno-gastronomico con una zuppetta di fragoline, mantecato allo yogurt, croccante di pistacchio e limone candito, da gustare bendati – come suggerito dallo chef Simone Strano – per assaporare ogni elemento del piatto senza il condizionamento della vista.

A fare gli onori di casa con charme ed eleganza, Vanessa Cannizzaro che da due anni ha preso in gestione a Taormina quella che è stata l’antica trattoria di Enrico Briguglio, fondatore de “Le Soste di Ulisse” Continue reading