Gioacchino Sensale e la Gourmet Experience all’Hotel Dolcestate

Un viaggio alla scoperta della cucina dello chef Gioacchino Sensale. La “Gourmet Experience” firmata dal neo Ambasciatore del gusto palermitano si svolgerà giovedì 26 luglio alle ore 20:30 all’hotel “Dolcestate” . La cena si svolgerà nella terrazza con vista sulla piscina della raffinata location dell’hotel di Campofelice di Roccella, in provincia di Palermo, che sorge a pochi passi dal mare ed a contatto con la natura, tra le antiche rovine della città greca di Himera e il Parco naturale delle Madonie.

Gioacchino Sensale, classe 1981, originario di Capaci, da qualche mese è stato insignito della prestigiosa nomina di Ambasciatore del Gusto. La sua cucina punta ad esaltare le materie prime, grazie ad un forte legame con il territorio ma nella sua cucina si avverte anche l’impronta estera, frutto delle sue esperienze.

Questo il menù della Gourmet Experience:  Continue reading

Il successo di TEN con 13 mila € raccolti per l’Associazione Piera Cutino

Volti sorridenti, piatti pluristellati e tanto divertimento. Al Sea Club di Terrasini, in provincia di Palermo, è andata in scena una festa ben riuscita dove l’ingrediente principale è stata la solidarietà. La serata di gala del TEN – Terrasini Event Night – grazie ai biglietti acquistati e alle donazioni dei partner, ha permesso di raccogliere 13 mila euro che, al netto delle spese vive, sono stati donati all’Associazione Piera Cutino, charity partner della manifestazione. L’Associazione Piera Cutino da 20 anni si occupa di talassemia e conduce progetti che mirano al miglioramento della qualità della vita dei pazienti, progetti quali la costruzione del Campus di Ematologia “Cutino” all’interno dell’Ospedale “Cervello” di Palermo che ogni anno accoglie circa 1.500 pazienti e in cui vengono eseguite oltre 5.300 trasfusioni di sangue. A tal fine, il ricavato verrà investito per potenziare il sostegno all’area pediatrica con nuovo personale, giochi e accoglienza per i pazienti più piccoli.

Oltre 300 ospiti hanno contribuito alla riuscita dell’evento, nato da un’idea di Giuseppe Costa, chef e patron del ristorante “Il Bavaglino” di Terrasini, che con l’occasione ha festeggiato il compleanno del suo ristorante. 10 anni di attività e 10 chef stellati in una serata all’insegna dell’amicizia. Di grande impatto la location, il Sea Club di Terrasini di Vittorio Emanuele Orlando dove la serata ha preso il via con un aperitivo al tramonto, mentre Beatrice Monroy e le sorelle Ester e Maria Cucinotti narravano il racconto magico di un grande viaggio, quello verso Oriente nella patria dell’Ade compiuto da Giasone e dai suoi compagni per rintracciare il Vello d’oro a bordo della famosa nave Argo. A seguire la degustazione dei piatti proposti dagli chef in un tripudio di sapori e colori e la serata danzante in cui tutti, a cominciare dagli chef, si sono lasciati andare alla spensieratezza di una serata di festa.

 “Sono molto soddisfatto del successo della serata – dice Giuseppe CostaLa grande partecipazione di pubblico, oltre ogni nostra aspettativa, l’entusiastica partecipazione dei partner tutti, i colleghi, le cantine, i produttori, le aziende di servizi e/o prodotti, hanno dato un motivo in più per festeggiare e per rendere questa festa indimenticabile per tutti gli intervenuti. La soddisfazione maggiore infatti è stata la percezione di quest’atmosfera di gioia e di bellezza da parte di tutti i partecipanti. Riteniamo quindi che tutti gli obiettivi prefissati siano stati raggiunti in maniera così soddisfacente da farci pensare di riproporre la formula in futuro”.  Continue reading

Morettino, una lunga storia di passione per il caffè, la qualità, l’ambiente, il sociale. Il 12 luglio l’inaugurazione della mostra FLAGS – MalMediterraneo

Una lunga storia lega il Caffè Morettino alla città di Palermo. Tutto nasce nel 1920 in un’antica bottega di spezie e coloniali della storica borgata di San Lorenzo ai colli. Il fondatore, Angelo Morettino, ha un grande amore per il caffè. Inizia così a diffondere la cultura autentica del caffè nell’isola. Il marchio si consolida grazie alla qualità delle miscele e alla lavorazione artigianale, affermandosi a partire dal 1960 nei caffè storici della città di Palermo. Le passioni più autentiche si trasmettono e i figli Arturo, Alberto e Alessandro assumono la gestione dei settori strategici dell’azienda: marketing, produzione e amministrazione.

Arturo Morettino

Sin dal 1980 Arturo Morettino comunica i valori trasmessi dal fondatore ad un vasto pubblico con seminari, degustazioni narrate, percorsi esperienziali e visite guidate in azienda. Negli anni ‘90 con la creazione dell’attuale fabbrica del caffè, sita nella storica borgata di San Lorenzo ai Colli a Palermo, nasce la Scuola del Caffè Morettino, punto di formazione permanente in cui insegnare e diffondere la cultura del caffè. Il viaggio esperienziale si arricchisce con l’esclusivo Museo del caffè Morettino, autentico scrigno di famiglia che racchiude più di mille antichi oggetti provenienti da tutto il mondo.

Museo del Caffè Morettino

Oggi Caffè Morettino, con la quarta generazione, è una solida e importante realtà industriale che mantiene il carattere distintivo della lavorazione lenta, artigianale ed eco-sostenibile di caffè di prestigio declinati in purezza o in blend. La produzione è basata su un controllo integrale della filiera produttiva, con l’obiettivo di esaltare qualità, salubrità ed etica dei processi di lavorazione e dei prodotti. Attraverso il processo di tostatura lento ed ecologico ad aria calda pulita e al monitoraggio scientifico della cinetica molecolare del caffè, le naturali proprietà organolettiche del caffè vengono rispettate. La ricerca della qualità avviene attraverso il Morettino Quality Labun laboratorio di ricerca e di esperienze, votato alla scoperta di nuove intuizioni sul mondo del caffè. Prioritario per l’azienda resta ancora oggi il rispetto del prodotto, del consumatore e dell’ambiente.

Ma c’è di più. La famiglia Morettino contribuisce attivamente alla promozione del territorio attraverso l’organizzazione e la partecipazione ad iniziative artistiche, culturali e sociali.

PALERMO CAPITALE DELLA CULTURA, MORETTINO OSPITA “FLAGS-MALMEDITERRANEO”, LA MOSTRA DI NINO RASO PATROCINATA DALL’UNHCR 

In occasione di Palermo Capitale della cultura 2018 e in contemporanea con Manifesta12, Morettino ospiterà nel cuore del proprio sito produttivo la mostra FLAGS – MalMediterraneo dell’artista pantesco Nino Raso, un progetto che punta i riflettori sull’integrazione tra i popoli, raccontando storie di guerre e sogni infranti, ma anche di speranza, di salvataggi e di una vita che malgrado tutto continua.  Continue reading

Drink Pink in Sicily. Conto alla rovescia per il primo evento dedicato ai rosati con 7 chef donne

Vino rosso o bianco? “Rosato” made in Sicily. Si svolgerà a Catania il 16 luglio il primo evento dedicato ai rosati che metterà insieme oltre 40 cantine dell’Isola, 7 donne chef e diversi produttori siciliani. L’appuntamento con “Drink Pink in Sicily. I Rosati dal Vulcano ai tre Valli” è al SAL – Spazio avanzamento lavori di Catania. Un evento unico nel suo genere, nato dall’idea dell’imprenditrice winelover Gea Calì, che già lo scorso anno aveva organizzato un party privato dedicato esclusivamente ai vini rosati.

Gea Calì

“Con questa iniziativa voglio dar voce ai nostri rosati. Per via del lavoro ho viaggiato molto – spiega Gea Calì – e ho scoperto che in altri Paesi l’attenzione verso questi vini era molto alta. Da lì è maturata in me la voglia di approfondire e conoscere meglio questa realtà e ho scoperto che i rosati si abbinano perfettamente a molti cibi”.

Per rendere l’evento ancora più interessante, a Drink Pink in Sicily sono state chiamate 7 chef donne che cucineranno i loro piatti in abbinamento ai vini. Le chef protagoniste sono: Bianca Celano di Catania, Bonetta Dell’Oglio chef e scrittrice di Palermo, Rita Russotto del ristorante Satra di Scicli, Rosaria Maio della Trattoria Mirò di Valverde, Oriana Foti dell’Accademia del Monsù di Catania, Valentina Rasà di Cucina Manipurae Sarah Cicolini del ristorante Santopalato di Roma.  Continue reading

Golosa novità al Ristorante La Anchoa. Colazione alla siciliana con “Principessa” dal 15 luglio a Marina di Ragusa

Il Ristorante La Anchoa, sul lungomare Andrea Doria di Marina di Ragusa, ha in serbo una golosa novità per la stagione estiva: la colazione alla siciliana vista mare. L’iniziativa verrà presentata domenica 15 luglio quando sarà possibile scoprire la nuova offerta del menù colazioni. Dalle ore 8,30 alle 12 degustazione in anteprima le colazioni estive: granita, sorbetto o gelato, realizzati con materie prime locali di alta qualità, in abbinamento con il pane di pasta dura ragusano o con le tipiche brioches.

L’iniziativa è aperta al pubblico. Si tratta dell’evento inaugurale di un’iniziativa del tutto nuova per La Anchoa, la giovane creatura dello chef Francesco Cassarino e del figlio Stefano. Un locale rifinito al dettaglio, a due passi dal mare, dotato di una cucina genuina ed elegante, una cantina varia ed un servizio attento e disponibile. E’ la prima volta che il ristorante apre al servizio di prima colazione e lo fa grazie all’innovazione della mantecatrice Principessa, macchina da gelato espresso che sta apportando una vera rivoluzione nel suo campo. Una novità che profuma di tradizione e che dal 16 luglio sarà disponibile ogni mattina al ristorante. Continue reading

Sei chef in gara per “I Giorni del Gambero”. Il 21 e 22 luglio a Mazara del Vallo

Una grande festa con un protagonista d’eccezione che tutto il mondo ci invidia, il gambero rosso di Mazara del Vallo. Si chiama “I giorni del gambero” la kermesse giunta alla IV edizione che mette al centro il pregiatissimo gambero della nota città marinara del trapanese. Due giornate, 21 e 22 luglio, saranno dedicate alla scoperta di questo prezioso crostaceo. Si comincia il 21 luglio alle 18.30 con l’apertura degli stand di degustazione. Il momento clou delle due giornate sarà la gara tra sei giovani chef che si “sfideranno” nelle due serate. La prima serata, sabato 21 luglio, vedrà tra gli sfidanti gli chef Motoki Seimori, Domenico Basile e Daniele Riccobene. La seconda serata domenica 22 luglio vedrà in gara Salvatore Lipari, Alessandro Ravanà e Giuseppe Geraci.

Motoki Seimori

Motoki Seimori nasce nell’isola di Okinawa da una famiglia in cui il padre e il fratello sono cuochi. Frequenta la scuola di cucina in Giappone e sviluppa una passione per la cucina italiana trasmessagli dal suo maestro Takahiro Higuchi, proprietario di tre ristoranti di cucina italiana a Tokyo. Decide quindi, dietro consiglio del suo maestro, di venire in Sicilia per approfondire le sue conoscenze e la sua voglia di imparare le ricette del sud. Va a fare uno stage a San Vito lo Capo al Pocho per imparare a fare il cous cous e poi giri diversi ristoranti tra i quali il Fogher e i Vespri.

Domenico Basile

Domenico Basile da 18 anni lavora nel mondo della cucina, di cui 11 da chef.
La voglia di crescita professionale unita alla passione per il proprio lavoro lo ha condotto alla scoperta di posti meravigliosi come Parigi, Maldive, Mosca, Monaco di Baviera e New York di cui ha mutuato l’internazionalità degli ingredienti pur mantenendo fede alle proprie radici. Rientrato da un anno a Palermo, lavora come chef al Graal club di Palermo.  Continue reading

A fine luglio ritorna “Vicoli&Sapori”, due giorni di degustazioni nel cuore di Palazzolo Acreide

Il 28 e 29 luglio prossimi il centro storico dell’antico Quartiere dell’Orologio di Palazzolo Acreide, con le sue stradine strette e le scalinate, si trasformerà in un suggestivo percorso in cui assaporare eccellenze eno-gastronomiche. Sarà l’occasione per riscoprire uno degli angoli più belli della città patrimonio Unesco e gustare, lungo un’insolita e piacevolissima passeggiata serale, le prelibatezze locali preparate dagli chef dell’Associazione dei Ristoratori “Vicoli&Sapori”. 

Dell”Associazione – nata nel gennaio 2017 e impegnata sin dalla sua nascita nella valorizzazione del territorio – fanno parte sette ristoranti: Lo Scrigno dei Sapori, La Corte di Eolo, La Taverna di Bacco, Andrea, Ristorante Settecento, Agriturismo Giannavì e Trattoria del Gallo. Un gruppo ben saldo con tanta voglia di fare rete al fine di far crescere l’immagine di Palazzolo Acreide nel mondo puntando su una gastronomica ricca, legata alle tradizioni, al territorio e alla stagionalità: dal tartufo alla salsiccia tradizionale, dai formaggi alle carni, dagli oli alle verdure spontanee.

“Il filo conduttore è sempre lo stesso – spiega Paolo Didomenico, Presidente dell’Associazione-, ossia quello di coniugare alcuni elementi caratteristici del nostro bel paese: la cultura, la storia, le bellezze architettoniche e la sua rinomata offerta gastronomica. Vogliamo far conoscere ai visitatori quegli spazi urbani suggestivi eppure poco noti promuovendo allo stesso tempo l’offerta enogastronomica locale attraverso una degustazione che si snoderà tra i vicoli e le stradine del quartiere medievale dell’Orologio. Ci sarà pure della buona musica e dei cooking demo dinanzi al Belvedere durante i quali noi chef dell’Associazione ci alterneremo mostrando come si preparano alcuni piatti della tradizione. Diverse inoltre le aziende di vari settori che hanno aderito a questa edizione e che faranno degustare le proprie produzioni. Un evento dunque che vede diverse sinergie in campo con la voglia di continuare la sfida a restare in questo territorio. Lo scorso anno abbiamo registrato ben 1800 presenze paganti e, dall’interesse sinora constatato in giro, ne prevediamo di più per questa edizione”.  Continue reading

5 giovani chef di talento raccontano la Sicilia al Charleston di Palermo

Bandi, Santalucia, Guidara, Torrisi, Corso

Sotto il cielo stellato di Mondello, in una calda serata d’estate, cinque giovani chef sono stati i protagonisti della cena evento “Giovani e talenti. La Sicilia degli chef si racconta”, andata in scena al Charleston di Palermo. Davide Guidara, chef dell’Eolian Ristorante Milazzo” di Milazzo, Nicola Bandi, chef “Osteria Il Moro” di Trapani, Peppe Torrisi, chef del “Talè Restaurant & Suite” di Piedimonte Etneo, Vincenzo Santalucia, chef de “La Scala” di Agrigento,  e il resident chef del Charleston di Mondello, Santino Corso hanno dimostrato di avere le carte in regola  per entrare nel firmamento della ristorazione siciliana di eccellenza. L’idea della proprietà dello storico e rinomato Ristorante della borgata marinara di Palermo, che lo scorso anno ha compiuto 50 anni, è stata molto apprezzata dal pubblico presente e dalla stampa di settore. Selezionare e mettere insieme cinque promesse della ristorazione siciliana, provenienti da 5 province dell’isola, è cosa non da poco. Lo sforzo organizzativo è stato ripagato dalle emozioni che i cinque hanno regalato. Ciascuno ha raccontato la propria personalità e il proprio stile attraverso i piatti scelti per la serata, dai più semplici ai più complessi.

Davide Guidara

Davide Guidara, il più giovane dei cinque, classe 1994, punta tutto su una cucina di perfezione e tecnica, fatta da pochi elementi che vengono esaltati al massimo nel gusto e nella presentazione. In lui c’è il costante bisogno di creare, sperimentare e spingersi oltre i confini già scritti della cucina tradizionale. Per la serata, Guidara ha presentato il piatto “Pane, pomodoro e alici” con solo 3 elementi lavorati ad arte: l’alice è marinata in acqua di pomodoro, la salsa è di pomodori calcificati, la purea è di pomodoro siccagno, il pane è reso croccante, il basilico va a profumare la preparazione.

“Pane, pomodoro e alici”

Nicola Bandi, classe ’86, rappresenta la cucina del territorio in chiave gourmet nel pieno rispetto della stagionalità. Nel locale di proprietà, che gestisce con il fratello Enzo, sceglie con grande attenzione le materie prime dei piccoli produttori locali da lavorazioni ecosostenibili ma non disdegna le eccellenze extra territoriali. Alla serata del Charleston ha presentato due piatti: il “Pane cunzato” in  versione al cucchiaio realizzato con una crema di grani antichi sifonata con acqua di pomodoro, sarde affumicate, origano, polvere di olive, croccante di pane, tuma persa e basilico croccante, e lo “Sformatino di sarde su crema di Parmigiano e gocce di Cerasuolo di Vittoria”, convincente espressione della vera cucina siciliana.

“Sformatino di sarde su crema di Parmigiano e gocce di Cerasuolo di Vittoria”

Vincenzo Santalucia, patron chef del ristorante a Agrigento, ha portato al Charleston la sua idea di cucina siciliana semplice, gustosa, con un tocco di innovazione e tanta memoria. Il ricordo è ai piatti dell’infanzia, al comfort food. Chi non conserva gelosamente nei cassetti della memoria il gusto della pasta ripassata in padella, preparata ad arte dalle nonne? Così Santalucia presenta la sua “Pasta alla Norma croccante con nuvola di Parmigiano”. Per regalare la migliore croccantezza alla pasta, lo chef sceglie i capellini d’angelo e li serve con mousse di melanzana, spuma di Parmigiano e melanzana croccante.

“Pasta alla Norma croccante con nuvola di Parmigiano”

Continue reading