Grecale Wine Experience, la raffinata cucina di mare di Paolo Romeo incontra i vini Joaquin

 

Il “Grecale Ristorante Italiano” e i vini Joaquin insieme per una serata esclusiva nel cuore di Messina. La cena gourmet Grecale Wine Experience è in programma giovedì 17 maggio alle ore 20.30 al Grecale Ristorante Italiano sito in via XXVII luglio 112 (che durante la stagione estiva accoglie i propri clienti nella suggestiva location in riva allo stretto di Via Canalone 124 a Torre Faro).

L’evento sarà anche l’occasione per conoscere la raffinata cucina di Paolo Romeo, nuovo Executive Chef del gruppo ristorativo titolare dei marchi Grecale Ristorante Italiano – Kajiki japanese Restaurant – Villa Laura Resort – Kon Gusto Catering.

Paolo Romeo

Paolo Romeo, 40 anni, vincitore del Campionato Italiano del Cous Cous Fest 2017 di San Vito Lo Capo, dopo varie e significative esperienze in giro per l’Italia ed all’estero, è tornato nella sua città per portare avanti un progetto importante con i titolari del Grecale, giovani e intraprendenti imprenditori della ristorazione che stanno lavorando a un grande sogno: portare nella città dello Stretto una cucina di altissimo livello.

Abbiamo voluto come nostro Executive Chef Paolo Romeo scegliendolo tra tanti importanti Chef che rappresentano l’eccellenza in Italia, interessati a condividere con noi un progetto ambizioso –affermano Francesco Rella e Fabrizio Natoli. -.Abbiamo riportato a casa un indiscusso fuoriclasse della cucina, certi che i migliori traguardi si possono raggiungere in terra di Sicilia. Non esistono obiettivi impossibili con i prodotti del nostro mare e della nostra terra, se in cucina ci sono sapienti mani come quelle di Paolo. Vogliamo che Messina Città torni ad essere riferimento gastronomico della Sicilia al pari di Ragusa e Licata e con Paolo Romeo siamo certi che ci riusciremo”.

La cantina del Ristorante conta circa 500 etichette di pregio e la serata del 17 maggio è stata organizzata in collaborazione con l’azienda Joaquin, eccellenza vitivinicola Italiana di Raffaele Pagano, che prenderà parte alla serata, raccontando i suoi vini. L’azienda nasce e lavora prevalentemente in una delle aree a più alta vocazione vitivinicola del mondo, l’Irpinia. Terra, questa, dove la predominanza delle escursioni termiche, la vulcanicità del suolo, la mineralità e la peculiarità del climaassecondano alte evoluzioni per i vini bianchi e dove il freddo delle sue colline genera rossi di forza e di estrema eleganza. “La nostra storia inizia nel 1999– spiega il vignaiolo Raffaele Paganoquando decidemmo di esprimere le nostre opinioni su uve secolari.Iniziammo a lavorare il fiano, l’aglianico e il greco.Da subito, abbiamo voluto cercare in questi uvaggi, la loro migliore espressione, dando un significato, una interpretazione soggettiva alla parola vinificazione”.L’idea che Joaquin sta portando avanti è quella di produrre pezzi unici, solo se le condizioni da annata e madre natura lo consentono. Saranno 3 i vini in degustazione dell’azienda avellinese: “I viaggiatori” Aglianico 100% – “Vino della stella”Fiano Avellino DOCG – “Dall’isola” Falanghina, Greco e Biancolella.  Continue reading

Nella Giornata Internazionale del Nero d’Avola, un seminario ad Agrigento con 4 grandi esperti

 

L’evoluzione produttiva del Nero d’Avola, principe dei vitigni siciliani, dalle sue origini ad oggi. Prospettive future”. Questo il tema del seminario in programma il prossimo 11 maggio e rientrante nel ricco programma della prima edizione della Giornata internazionale del Nero d’Avola, un’iniziativa ideata ed organizzata da Carmelo Sgandurra, Master Sommelier ed autore della NDA – Guida del Nero d’Avola.

Carmelo Sgandurra

Sede del seminario sarà Spazio Temenos“ ex chiesa di “San Pietro” nel centro storico della città. È qui che a partire dalle ore 15.00 si daranno appuntamento giornalisti, sommelier, buyer ed esperti di vino per partecipare al dibattito sul presente e futuro di questo vitigno autoctono. Confronto che per l’occasione sarà tenuto da Riccardo Cotarella, Salvo Foti, Tonino Guzzo e Vittorio Festa e altri personaggi del mondo enoico. Sarà quindi un evento unico nel genere che porrà l’attenzione su un vitigno dalle grandi potenzialità e adattabilità, “capace – come dichiara lo stesso Foti – di esprimere grandi vini, anche se bisogna considerarlo sempre (se si vuole esprimere la sua vera e completa personalità enologica) indissolubilmente legato al suo originale terroir e antico sistema di coltivazione ad alberello egeo in aridocoltura”.  Continue reading

In viaggio da Ragusa all’Alto Adige con la cucina stellata di Claudio Ruta e i bianchi di Nossing

 

La cucina può tutto. Può farti fare un viaggio enogastronomico percorrendo territori molto distanti, pur restando immobile; può regalarti emozioni e allo stesso tempo conoscenza. Perché la conoscenza è la cosa più bella a cui possiamo aspirare. Così ogni incontro organizzato a Ragusa dal Ristorante “La Fenice” di Mauro Malandrino è una nuova scoperta. Si parte da una certezza, l’ottima “cucina del territorio” dell’executive chef Claudio Ruta, 1 stella Michelin, che riesce sempre a sorprendere per il lavoro di innovazione e sperimentazione legato agli abbinamenti coi vini proposti.

Lo chef Claudio Ruta

Le serate vengono organizzate in collaborazione con cantine vitivinicole di tutta Italia ed è piacevole scoprire territori di volta in volta differenti con le loro peculiarità. Non a caso, ma per grande passione e visione d’insieme, il Ristorante “La Fenice” ha una cantina di pregio con oltre 900 etichette, selezionate dal sommelier Fabio Gulino.

Fabio Gulino

Dietro l’organizzazione di ogni evento c’è una lunga preparazione, dallo studio delle cantine a quello dei piatti che verranno scelti per la degustazione. “I miei abbinamenti nascono assaggiando i vini per capirne le peculiarità a livello organolettico – spiega lo chef stellato Ruta – con l’idea di stupire i nostri ospiti e offrire novità e cose particolari”.

Il connubio cibo vino è stato il tema della serata Gemme Altoatesine. I Bianchi di Nössing che si è svolta il 21 aprile scorso al Ristorante dell’Hotel Villa Carlotta. Un viaggio lungo tutto lo Stivale che partendo dalla Sicilia, ci ha condotti in Alto Adige, all’interno della Valle Isarco, sulla collina di Bressanone, dove l’azienda di Manni Nössing produce i suoi vini. In questo territorio è possibile trovare alcune delle più importanti varietà autoctone tradizionali dell’Alto Adige: tra queste il Kerner, un vitigno aromatico a bacca bianca tradizionalmente acclimatato in area tedesca, austriaca e svizzera. Manni Nössing, giovane e appassionato vignaiolo, proveniente da una famiglia da sempre dedita all’agricoltura, è considerato oggi uno dei migliori bianchisti d’Italia.

“L’azienda produce solo bianchi, e questa è una fortuna” – ha spiegato l’enologo Vincenzo Bambina che ha  preso parte alla serata. “Prima amavo i rossi, – ha spiegato l’enologo siciliano – poi, girando il mondo, mi sono innamorato dei bianchi. I bianchi di Manni Nössingsono buoni perché il territorio è vocato con un’estensione di circa 350 ettari che vanno tutti in bottiglia”.  Continue reading

Ohi Vite Ohi Vite mia. A Villa Igiea si celebra il vino

Una serata divina e fatta di vino. Maria Antonietta Pioppo, presidente di Fondazione Italiana Sommelier Sicilia occidentale e prima Executive Wine Master in Sicilia presenta “Ohi vite ohi vite mia”, il 10 maggio alle 21,30 all’hotel Villa Igiea di Salita Belmomente 43 a Palermo con Jermann, azienda del Collio di fama internazionale.

Guidata dall’istrionico Silvio Jermann e curata dal direttore Edi Clementin, Jermann ha raggiunto con i suoi vini le vette più alte nei riconoscimenti e premi nazionali e internazionali, ed ha ottenuto la prestigiosa certificazione CasaClima Wine a dimostrazione dell’impegno e dell’orientamento alla sostenibilità ambientale. L’azienda è da sempre una fervente sostenitrice del tappo a vite che preserva i suoi vini e li conduce ad una meravigliosa e sicura evoluzione. Jermann è custode di una grande tradizione vitivinicola che porta a vini elegantissimi, suadenti ed espressivi del territorio.

A guidare la degustazione sarà Filippo Busato, docente di Fondazione Italiana Sommelier e Executive Wine Master.  Continue reading

Cibo Nostrum: dal 20 al 22 maggio ritorna la Grande Festa della Cucina Italiana

C’è grande attesa per la 7^ edizione di Cibo Nostrum, la grande Festa della Cucina Italiana che si svolgerà dal 20 al 22 maggio tra l’Etna e Taormina. Il prestigioso evento porta la firma della Federazione Italiana Cuochi e si avvale di numerosi partners di prestigio,  quali Chic – Charming Italian Chef, Con.Pa.It. e Le Soste di Ulisse, mentre sono già in molti i produttori di eccellenze agroalimentari che stanno aderendo, come collaboratori e come sponsor. Tanti gli appuntamenti alle falde del vulcano e nella “Perla dello Jonio” con migliaia di chef, giornalisti e produttori. Le premesse ci sono tutte perché quest’anno si possa parlare di edizione dei record, poiché sono già tantissime le adesioni registrate. La manifestazione, anche per quest’anno, conferma il suo spirito di solidarietà e la giornata del 21 maggio dedicata al TAORMINA COOKING FEST, sarà allestita a scopo benefico.

Pietro D’Agostino

Oltre a sostenere la ricerca scientifica contro il Morbo di Parkinson, devolvendo i fondi raccolti alla Fondazione LIMPE Onlus dell’Università di Messina, il 2018 vedrà anche il sostegno alla campagna contro il Cyberbullismo, con la presenza attiva del MOIGE, il Movimento Italiano Genitori, rappresentato direttamente dal suo direttore, Antonio Affinita, con cui la Federazione Italiana Cuochi collabora da anni nelle iniziative sociali. Non è un caso, infatti, che la Federazione organizzi l’evento con il suo DSE – Dipartimento Solidarietà Emergenze, che già in altri contesti è intervenuto e interviene a livello nazionale a sostegno della popolazione, come durante il terremoto dei mesi scorsi nel Centro Italia.

“Questo appuntamento – dichiara il presidente nazionale FIC, Rocco Pozzuloconferma ancora una volta come la cucina italiana non rappresenti soltanto una bella e ricca tradizione del nostro Paese, ma anche qualcosa di concreto su cui contare sul fronte sociale e della solidarietà. Siamo davvero lieti di avere inserito la manifestazione nel calendario degli eventi nazionali FIC e siamo certi che quest’anno supereremo ogni aspettativa in termini di gusto e di qualità”.

Seby Sorbello

“La nostra segreteria è già attiva da mesi e a fine 2017 avevamo già compiuto le prime riunioni organizzative – fanno sapere Seby Sorbello, presidente di FIC Promotion, e Pietro D’Agostino, presidente di Chic Chef per la Sicilia – e vi assicuriamo che i nostri telefoni non hanno mai smesso di squillare per le adesioni all’evento, da quando abbiamo annunciato la nuova edizione. Ancora una volta il nostro desiderio di rilanciare e valorizzare un territorio unico al mondo come l’Etna e Taormina, sta prendendo concreta forma in una manifestazione altrettanto unica”. 

Continue reading

“Prima dell’estate/Prima dell’inverno”la grande Festa di Primavera al Signum

“Prima dell’estate/Prima dell’inverno”. La Primavera all‘Hotel Signum di Salina si apre con un grande evento enogastronomico che va fuori dagli schemi convenzionali. Un appuntamento per assaporare le eccellenze del nostro territorio, insieme a produttori e artigiani del gusto, e confrontarsi sui temi legati al cibo e al vino con piacevoli incontri ed interessanti scambi di opinioni a tema culinario ed enoico. Nella splendida cornice delle Eolie, una festa che fonde gli odori e i sapori siciliani con esperienze e prodotti in un viaggio lungo lo stivale che fa tappa a Crotone, a Milano e ad Oslavia.
 Ad ospitare l’evento un’ambientazione incantevole, l’Hotel Signum, con la sua terrazza ed i suoi giardini,  una perla nel Mediterraneo.  Il contatto con la terra, con la bellezza, con l’autentico”: così la famiglia Caruso sintetizza la sua filosofia.
Il via all’evento è fissato per il giorno 20 aprile, con accoglienza prevista entro le ore 18. Dalle 19 infatti si apriranno le danze: la festa in terrazza con cena in piedi sarà a cura dello chef del Signum Martina Caruso, giovane talento della scena culinaria nazionale, elogiata dalla critica come una delle migliori interpreti dell’alta cucina e premiata con una stella Michelin.

Martina Caruso

 Impasti e lievitati saranno i protagonisti del dopocena con il maestro panificatore Davide Longoni che illustrerà la sua arte e coinvolgerà, mani in pasta, tutti gli ospiti.  Il panificio Longoni, storica insegna meneghina è rinomato per la qualità delle sue farine e dei suoi lievitati.  “Lievitazione naturale da pasta madre, con farine macinate a pietra e sale marino integrale”: questo è per Longoni il pane.

Continue reading

Cena stellata a La Fenice. L’alta cucina di Claudio Ruta incontra i bianchi di Manni Nössing

 

Un altro appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati di alta cucina, firmato dal Ristorante “La Fenice”. L’executive chef Claudio Ruta, 1 stella Michelin, ha messo a punto un raffinato menù di pesce da abbinare ai bianchi dell’azienda di Manni Nössing. L’appuntamento è per sabato 21 aprile, alle ore 20.30, al Ristorante dell’Hotel Villa Carlotta a Ragusa.

Sarà una splendida occasione per poter apprezzare la bontà e tipicità dei vini di questa giovane azienda agricola dell’Alto Adige, sita all’interno della Valle Isarco, sulla collina di Bressanone. Si trova proprio qui quello che viene definito da molti esperti uno dei migliori bianchisti d’Italia, ovvero Manni Nössing, giovane e vulcanico vignaiolo per passione, proveniente da una famiglia da sempre dedita all’agricoltura. Con le sue uve straordinarie è riuscito a disegnare dei vini profondissimi, molto particolari, capaci di attrarre l’attenzione internazionale. Il 21 aprile sarà possibile degustarli in abbinamento ai piatti, a base di pesce, che lo chef Ruta realizzerà per l’occasione.  Continue reading

BEERSTREET Festival a Cefalù da 28 aprile all’1 maggio

Quindici birrifici, rigorosamente siciliani, e quindici produttori di street food animeranno per quattro intere giornate il lungomare e i vicoli della bellissima Cefalú, meta tra le più amate dell’Isola, con i suoi monumenti Arabo-Normanni e il suo mare cristallino. Tutto si svolgerà il 28, 29, 30 Aprile e l’1 Maggio. Gli stand per le degustazioni saranno dislocati lungo il Lungomare Giardina di Cefalú. Un format giovane e di successo – quello ideato dall’Associazione KeFood, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Cefalù – che mixa il piacere del bere e mangiare bene al gusto di scoprire le eccellenze e le novità del Made in Sicily. A fianco dell’organizzazione ci sarà anche MEDinFOOD, la kermesse enogastronomica, giunta alla sua seconda edizione, che si svolgerà a Vittoria dal 19 al 21 maggio.

Non solo divertimento a Cefalù, ma soprattutto cultura, con degustazioni tematiche ed un corso in tre giornate per scoprire tutto quello che c’è da sapere sullo spumeggiante mondo della birra di qualità. Il corso di degustazione della birra sarà tenuto dall’esperto Andrea Camaschella, novarese, classe 1973, relatore di Slow Food, redattore di Fermento Birra Magazine, scrittore, docente ITS per maestri birrai.

Andrea Camaschella

Nel corso delle masterclass che si svolgeranno sabato 28 (dalle 16 alle 18 e dalle 18.30 alle 20.30) e domenica 29 (dalle 11 alle 13) ci saranno in degustazione 5 birre artigianali affiancate dai prodotti del territorio. La degustazione avrà un costo di 20 euro. Partecipando a tutte e tre il costo sarà invece di 50 euro (solo su prenotazione, max 25 persone).

I birrifici che prenderanno parte al BEERSTREET festival sono: Alveria, Fratelli Birrafondai, Birrificio 24 Baroni, Rock Brewery, Tarì, Irias, Epica, Bruno Ribadi, La Compagnia del Fermento, Kottabos, Yblon, Birrificio Chinaschi, Ingargiola, Oktoberfest Cefalù.  Continue reading