Vicoli & Sapori a Palazzolo Acreide, il successo di una squadra affiatata

Ritorno per il secondo anno a Palazzolo Acreide in occasione di Vicoli & Sapori, la manifestazione enogastronomica, giunta alla quarta edizione, che va in scena l’ultima settimana di luglio. Ad accogliermi c’è la cittadina di origini greche incastonata nei monti iblei, patrimonio Unesco dal 2002, perla del Barocco, in provincia di Siracusa, di cui in ogni viaggio scopro qualcosa in più; ci sono i sette ristoratori dell’omonima associazione Vicoli & Sapori, una realtà credo unica nel suo genere, nata nel giugno del 2016, che vede sette professionisti portare avanti un progetto che mira a promuovere la ristorazione, valorizzare l’offerta gastronomica del territorio e accrescere la conoscenza di Palazzolo Acreide nel mondo. A farne parte sono Paolo Di Domenico de “Lo Scrigno dei Sapori”, Marco Giuliano del “Ristorante Settecento”, Giorgio Migliore de “La Corte di Eolo”, Max Iacono de “La Taverna di Bacco”, Andrea Alì del “Ristorante Andrea”, Calogero Maltese dell’agriturismo Giannavì e Gianni Savasta della Trattoria del Gallo. 

I 7 ristoratori con il maestro pasticcere Pippo Pirruccio

Un gruppo unito con tanta voglia di fare che mette anima e cuore nell’organizzazione di questa riuscita manifestazione che quest’anno ha visto aumentare il numero dei visitatori accorsi per riscoprire la ricca offerta gastronomica del territorio e le sue bellezze monumentali e paesaggistiche. Tra sabato 27 e domenica 28 luglio sono stati 3000 i visitatori che hanno percorso i suggestivi vicoli dell’antico quartiere di San Paolo e le scalinate fino ai ruderi dell’antico Castello dove lo spettacolo è stato allietato anche dalla musica.

“La sintonia che c’è tra noi tutti e la voglia di contribuire a fare qualcosa per la promozione del territorio in cui viviamo sono state da sempre la molla che ci hanno consentito di riuscire a fare qualcosa di grande e utile per tutti – ha commentato Paolo Didomenico, presidente dell’Associazione-. Ringrazio coloro i quali ci hanno supportato, chi da sempre ha creduto in questo progetto ambizioso e chi negli anni ha desiderato farne parte. Quest’anno siamo particolarmente soddisfatti per i risultati ottenuti in termini di presenze e per i consensi registrati. Vicoli&Sapori in quattro anni è cresciuta moltissimo, ma tanto c’è ancora da fare. La due giorni tornerà il prossimo anno, con la V edizione fissata per il 25 e 26 luglio 2020″.

LE DEGUSTAZIONI E I PRODOTTI TIPICI DEL TERRITORIO

A caratterizzare la gastronomia di Palazzolo Acreide vi è in particolare la salsiccia tradizionale, presidio Slow Food, preparata con 9 tagli di suino nero siciliano, finocchietto selvatico, peperoncino, sale e vino rosso della Val di Noto. C’è poi il pregiato tartufo di cui è ricca la zona. Non solo salsiccia ma anche carni del territorio, formaggi e persino il pesce. La proposta gastronomica nel borgo dei borghi tra i più belli d’Italia è ricca e sempre varia. Ciascuno dei ristoratori dell’associazione propone una particolare interpretazione della cucina palazzolese.

Calogero Maltese

Tra i piatti proposti in questa quarta edizione dagli chef di Vicoli & Sapori c’è la focaccia con friscina e pomodoro secco, la nuvoletta di baccalà con crostacei, i ravioli di stracciatella e tartufo con pesto di erbette iblee, le orecchiette con tenerume e pomodoro secco, la pagnotta di grani antichi con suino nero arrosto e verdure in agrodolce, lo stufato di maialino nero e Tuma di modicane, il panino con crema siciliana e polpetta.

La proposta è stata arricchita dagli arrosticini di agnello e yogurt dell’azienda Antico Cuore Verde, dallo gnocco giallo con salsiccia, pomodorino e vellutata di finocchietto dell’Osteria Quel che c’è e dai dolci di Caprice, Infantino e Oro Rosso degli Iblei. Tra le postazioni di food anche sei cantine vitivinicole e una postazione per la degustazione di birra artigianale.

Gianni Savasta

IL PRESS TOUR 

Per il secondo anno, la manifestazione ha previsto per la stampa un interessante press tour. Il tema del viaggio è stato al centro dell’evento. Così abbiamo avuto la possibilità di visitare il Museo dei Viaggiatori in Sicilia. L’esposizione permanente a Palazzo Vaccaro presenta le incisioni originali dell’area iblea dei due più importanti Viaggi pittoreschi del ‘700 accompagnati da foto che riprendono lo stato attuale dei luoghi rappresentati, le mappe della Sicilia e una preziosa raccolta di libri antichi, tra cui la rarissima prima edizione del De rebus Siculis del Fazello.

Gelo di melone e gelsomino del maestro pasticcere Pippo Pirruccio

Ci è stata poi la visita nella casa nobiliare della famiglia Messina, con una merenda tipicamente siciliana, il gelo di melone, preparato dal maestro pasticcere Pippo Pirruccio, che per l’occasione lo ha interpretato in abbinamento al gelo di gelsomino.

E ancora la visita nell’azienda Antico Cuore Verde che alleva bovini e suini e produce ottimi formaggi. Qui abbiamo fatto la “colazione del fattore” con un’ottima ricotta calda, con lo yogurt, i formaggi e i salumi prodotti in azienda.

A pranzo siamo stati accolti dalla squisita ospitalità siciliana di Gabriella Ferrera e del marito Marco Aloisi nel mulino del 1424 finemente ristrutturato. Qui abbiamo preparato la pasta fresca insieme ai colleghi giornalisti, cucinato con gli chef di Vicoli & Sapori in un’atmosfera conviviale e pranzato tutti insieme.

Ravioli di ricotta con tartufo, salsiccia di Palazzolo tagliata al coltello e preparata al momento, caponata, cassata siciliana, granita sono alcune delle specialità che abbiamo gustato attorno alla stessa tavola.

Gianna Bozzali e Gabriella Ferrera

Grazie a Gianna Bozzali (ufficio stampa), a Sara Curcio Raiti che con la cooperativa MIB ci ha accompagnato alla scoperta del territorio di Palazzolo Acreide, ai giornalisti tutti e soprattutto ai sette chef per la calorosa ospitalità. Ed anche quest’anno per me Vicoli & sapori è stata una bellissima esperienza, un momento di confronto e di nuove conoscenze, un arricchimento personale. Appuntamento al prossimo anno con la V edizione fissata per il 25 e 26 luglio 2020.

 

 

Lascia un commento