Buonissimi III edizione. Al Charity Event Francesco Arena, Giuseppe Oriti, Rosario Umbriaco

SALERNO – Il 24 giugno più di 140 realtà, tra chef stellati, aziende, ristoranti, pizzerie, gelaterie provenienti da tutta Italia, prenderanno parte a Buonissimi 2019, l’evento di beneficenza ideato e promosso dall’Associazione Oncologia Pediatrica e Neuroblastoma– OPEN Onlus, con il sostegno della Fondazione Giuseppe Marinelli. All’evento, dedicato alle eccellenze enogastronomiche del Mediterraneo, saranno presenti dalla Sicilia l’Ambasciatore del Gusto messinese Francesco Arena, il produttore di porchetta di suino nero dei Nebrodi, Giuseppe Oriti, e l’ambasciatore del gusto ennese Rosario Umbriaco, che daranno un concreto contributo di solidarietà per la ricerca. 

Francesco Arena

É un onore e un piacere potere partecipare ad un evento così importante. Poter aiutare gli altri, soprattutto quando si tratta di bambini, – ha affermato il bakery chef Francesco Arena – per me è fondamentale. Ci metto sempre il cuore e sono felice di dare il mio apporto per nutrire la ricerca”. Per l’occasione, Francesco Arena preparerà “Mediterraneo”, un panino morbido alla curcuma e pepe nero con spalmabile delle Madonie aromatizzato al miele, granella di pistacchio, acciuga di Sciacca, scorza di limone e capperi di Salina canditi.

Giuseppe Oriti e Eliana Carroccetto

Oriti, che è anche allevatore di suini neri dei Nebrodi, porterà alla festa il suo pluripremiato panino con porchetta di suino nero dei Nebrodi e cipolla caramellata: “Sono felice di dare il mio contributo a questa gara di solidarietà– ha affermato – attraverso un viaggio di gusto tra i profumi e i sapori di tutta Italia, in cui sono orgoglioso di rappresentare i Nebrodi”. 

Rosario Umbriaco proporrà una delle sue ultime novità, l’arancino con 25 ingredienti che ha presentato recentemente a Festa a Vico e alla Festa del Cerasuolo. L’arancino di riso siciliano cotto in acqua di mare, aromatizzato con bietola rossa, farcito con Ragusano DOP, pomodori secchi, capperi, acciughe, granella di cuddriredda di Delia (presidio slow food).

Rosario Umbriaco

Ancora una volta Buonissimi – ha detto il Sindaco d Salerno, Vincenzo Napoli nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento – sfida la città di Salerno a superare se stessa in una gara di solidarietà che ha un sapore gourmetCome sempre il Comune promuove ed affianca questa meritoria attività”.

Buonissimi è una creatura di OPEN ed il rapporto della nostra amministrazione con l’associazione è costante e duraturo– ha aggiunto l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Salerno, Nino Savastanonon potrebbe essere altrimenti per l’impegno che il suo presidente profonde quotidianamente per i piccoli malati, per le loro famiglie e per la ricerca”.

Anche quest’anno sarà un viaggio di gusto tra i profumi e i sapori del territorio,una festa in nome della vita che nel cibo trova nutrimento ed attraverso il cibo dona speranza, per un prestigioso appuntamento a sfondo sociale.

«Buonissimi cambia le persone che ne prendono parte – ha spiegato Annamaria Alfani, Presidente di OPEN – è un’occasione ed un evento che ci ha aiutato a finanziare un progetto importante come quello della biopsia liquida consentendoci, anche, di accettare sfide importanti come quella della collaborazione col Gaslini di Genova che è il nostro nuovo progetto nazionale”.

Con l’edizione 2019 dell’evento si conclude la raccolta fondi per il progetto triennale di ricerca scientifica “La Biopsia Liquida nei bambini malati di tumore”al quale con l’edizione 2017 e 2018 sono stati destinati 151.670,00 euro.

«Abbiamo già analizzato dieci pazienti con questa metodica, che va sicuramente messa a punto perché si tratta di una tecnica innovativa ma siamo fiduciosi– ha spiegato il Dott. Mario Capasso, Professore in Genetica Medica Università degli Studi di Napoli Federico II e ricercatore presso l’Istituto CEINGE –Contiamo per il prossimo anno di mettere in atto un nuovo programma di medicina di precisione. L’idea è quella di scoprire, con un semplice prelievo del sangue, analizzando il DNA del bambino, qual è il suo tumore e, se è già sotto terapia, come sta reagendo alle cure. In questo modo evitiamo al bambino il trauma dell’intervento chirurgico”.

La splendida strutturaalle porte della suggestiva Costa d’Amalfi accoglierà, come ogni anno, diversi amici illustri rappresentanti del mondo dello spettacolo e con una donazione minima di 80 euro si offrirà come una lunga notte sotto le stelle dopo poter mangiare, bere e anche ballare fino a notte tarda.

Buonissimi quest’anno è cresciuto ancora– ha concluso Paola Pignataro, una delle infaticabili organizzatrici in tandem con Silvana Tortorella – sono 140 gli chef, pizzaioli, pasticcieri che ne sono protagonisti e che non vengono solo dalla Campania, ma anche dalla Puglia, la Sicilia, la Lombardia. La location è rimasta la stessa, ovvero le Rocce Rosse, ma avremo un meraviglioso palco sulla spiaggia”.

 

 

 

 

 

Lascia un commento