L’Autunno dell’Etna nel nuovo menù del Sabir Gourmanderie

Il richiamo dell’Etna nei piatti dello chef Seby Sorbello è fortissimo. I cultori del gusto ritrovano i sapori, gli odori, le emozioni che il grande vulcano evoca. Arriva l’autunno e puntuale arriva anche la presentazione del nuovo menù del Sabir Gourmanderie, che ho trovato ancor più ricco e sorprendente degli anni passati. Sì, lo ammetto, mi ha sorpreso Seby Sorbello, come fa piacevolmente ogni volta. Era difficile superarsi ma lui ci riesce sempre, mettendo ogni volta quel quid in più, e quell’entusiasmo che è la carta vincente in ogni lavoro.

Seby Sorbello

“Fai quello che ami e non lavorerai un solo giorno della tua vita”. Non è esattamente così. C’è fatica dietro il lavoro di ogni cuoco ma io credo che solo una grande passione possa riuscire ad annullare il sacrificio e non rendere vani gli sforzi per migliorarsi ogni giorno e riuscire a regalare emozioni. In fin dei conti, il mangiar bene deve dare emozioni e se un piatto si fa ricordare, ha già vinto perché arriva dritto al cuore.

Lo scampo si veste d’autunno

Al Sabir Gourmanderie ho provato l’intero menù autunnale e la sorpresa aumentava via via ad ogni assaggio. Equilibrio, gusto, armonia, tutto perfettamente bilanciato. E poi, la grande festa d’autunno! Per presentare il nuovo menù, il team di professionisti che operano con lo chef Sorbello ha ideato un esclusivo party in cui tra una chiacchierata e l’altra abbiamo gustato ben 18 portate, impiattate ad arte e presentate con dovizia di particolari dal personale di sala.

Dall’aperitivo alla selezione di vini proposta dal sommelier Giovanni La Rosa, al servizio, al menù, tutto ci ha piacevolmente conquistato.

Il sommelier Giovanni La Rosa

“L’autunno sull’Etna ha espressioni davvero importanti – ha affermato Sorbello – e sono orgoglioso di questo menù autunnale che reputo il più buono che ha avuto Sabir in questi anni. Noi viviamo in simbiosi con l’Etna quotidianamente, la amiamo, e ogni giorno siamo fuori per scoprirla e capire cosa succede su questo territorio”. 

Di seguito le foto dei nuovi piatti del menù autunnale

-Tataki di tonno

Tataki di tonno

– Cremoso di baccalà con cialdina alle erbe

Cremoso di baccalà con cialdina alle erbe

-Gambero rosso di Mazara con dadolata d’ortaggi profumata al timo e fonduta di ragusano DOP al tartufo dell’Etna

Gambero rosso di Mazara con dadolata d’ortaggi profumata al timo e fonduta di ragusano DOP al tartufo dell’Etna

-Calamaro nel giardino dell’Etna

Calamaro nel giardino dell’Etna

-Hummus di ceci Pascià con petali di suino nero dei Nebrodi ed ortaggi d’autunno

Hummus di ceci Pascià con petali di suino nero dei Nebrodi ed ortaggi d’autunno

-Omaggio alla neve

Omaggio alla neve

-Risotto con finocchietto selvatico e Ragusano DOP all’arancia

Risotto con finocchietto selvatico e Ragusano DOP all’arancia

-Ravioli come se fosse un cous cous

Ravioli come se fosse un cous cous

-Cernia “passeggiata tra i campi”

Cernia “passeggiata tra i campi”

-Guancia di vitello con purè di sedano rapa e porcini

Guancia di vitello con purè di sedano rapa e porcini

-Polpettine di suino nero dei Nebrodi al sugo

Polpettine di suino nero dei Nebrodi al sugo

-Babà mignon con crema allo zabaione, terra di nocciole e cacao

Babà mignon con crema allo zabaione, terra di nocciole e cacao

-Bisquit con ricotta, gelato di pistacchio di Bronte, salsa ai canditi e cioccolato Modicano

Bisquit con ricotta, gelato al pistacchio di Bronte, salsa ai canditi e cioccolato modicano

A fine serata, tra gli applausi degli ospiti, i ringraziamenti dello chef Sorbello arrivano per tutto il team di giovani e meno giovani, per il maître Gianni, in sala da 35 anni, per la moglie Marilena Sanzone, e la mamma Enza Cutuli, chef, docente e titolare dell’Esperia Palace Hotel. Senza di loro, a Zafferana Etnea non potrebbe esistere questa splendida realtà.

SABIR GOURMANDERIE

via delle Ginestre 1, 95019 Zafferana Etnea (CT)

Tel. 095. 7082335/ 333.2149712

info@sebysorbello.it

Orari di apertura: pranzo e cena tutti i giorni, ad esclusione del martedì

Lascia un commento