La rivoluzione del gusto e la cucina di Pasquale Caliri a TaoBuk 2018

 

Si è parlato di rivoluzione in cucina all’ottava edizione di Taobuk 2018, il festival del libro ideato e diretto da Antonella Ferrara e sostenuto dall’assessorato regionale per il Turismo per lo sport e lo spettacolo. Nell’ambito della rassegna, a Villa Diodoro gli chef Pino Cuttaia (2 stelle Michelin de La Madia di Licata) e l’Ambasciatore del Gusto Pasquale Caliri (chef del Ristorante Marina del Nettuno di Messina) hanno dialogato sull’argomento con la giornalista del sole 24 ore Fernanda Roggero. La memoria per Pino Cuttaia è l’ingrediente principale che consente non solo di ricreare l’emozione nei piatti ma anche di tramandare gesti antichi di sapori domestici dimenticati. E ancora la stagionalità degli ingredienti, la tecnica e la creatività servono a comunicare con i commensali.

Sul tema della comunicazione si è soffermato anche Caliri che ha parlato di tradizione e innovazione. Lo chef messinese, noto per le sue creazioni d’avanguardia, ha parlato di come il contemporaneo in cucina sia attraversato da “gastrotalebani” che vorrebbero ingabbiare, in nome della tradizione, qualunque forma di creatività e di innovazione. Lo chef Caliri, nell’ambito della rassegna, è stato protagonista con i suoi piatti della cena di gala, riservata agli ospiti della kermesse taorminese, che si è svolta domenica 24 giugno a Villa Mon Repos.

Pasquale Caliri

Caliri ha presentato un menù variopinto e complesso, in cui non sono mancati i suoi piatti più rappresentativi, come il magnum di acciuga, l’Omaggio a Marchesi, l’uovo di Silvio su crostone di cuturro e piatti innovativi, come l’hamburger alle alghe, polpo e maionese di ricci e agrumi e la norma sulle note del cacao. La ricca cena, che si è aperta con tanti stuzzicanti finger, come la caponata, ricotta e piccole verdure, il cous cous di grani antichi, ceci, frutta secca e spezie, è stata accompagnata dai vini dell’azienda agricola Palari e Cantina Mamertino Gaglio di Flora Mondello. La cucina sempre attenta alla ricerca di ingredienti e al sapiente utilizzo di un’eccellente tecnica ha conquistato gli ospiti di Taobuk. 

Le foto dei piatti della cena di gala:

“Uovo di Silvio” di razza siciliana su crostone di cuturro

“Omaggio a Gualtiero Marchesi”

Hamburger alle alghe polpo e maionese di ricci e agrumi

La norma sulle note del cacao

Gnocchetti di patata al nero di seppia, vongole, pesto di basilico, pane alle erbe

Filetto di pesce azzurro in oliocottura e verdure in più consistenze

 

Petto di faraona, sedano rapa, perlate di tartufo estivo

Cannolino vestito di nuovo

Tiramisù e caviale di caffè

Quasi un gelo di cannella, limone, gruè di cacao

Lascia un commento