Alla scoperta di Cortile Arabo, l’Osteria di charme che veste Tizzini e Thalass

Spiagge dorate, acque cristalline, un borgo di pescatori incantato, tra i più suggestivi della Sicilia sudorientale. Questo è Marzamemi, frazione marinara in provincia di Siracusa, dove è facile lasciare un pezzo di cuore. Il nome deriva dal’arabo Marsà al hamene e significa “Rada delle tortore”. In questo paradiso naturalistico, a ridosso di una scogliera, sorge “Cortile Arabo”, un ex casetta di pescatori ristrutturata secondo i dettami paesaggistici dei luoghi e diventata un ristorante di charme, molto apprezzato non solo dai turisti ma soprattutto dai siciliani.

Il Cortile Arabo unisce all’incanto del luogo, il sacro rito dell’accoglienza e dell’ospitalità siciliana fatta di sorrisi. Santo Paternostro e la moglie Mariangela Fronterrè sanno raccontare il fascino e la storia di quei luoghi come pochi altri e ti ritrovi a chiacchierare amabilmente fino a tarda notte, come se il tempo non passasse. Imprenditore del settore, lui, che già in passato ha gestito due attività a Marzamemi, insegnante lei, Santo e Mariangela non si sono accontentati di gestire il locale come un comune ritrovo turistico, ma hanno intrapreso una strada più impegnativa, investendo sulla ristorazione di qualità, e stanno già raccogliendo i primi frutti, portando in alto il nome del “Cortile Arabo”.

Per far questo, ormai da 6 anni hanno puntato sul giovane chef, Massimo Giaquinta, nato a Nairobi da mamma kenyota e papà siciliano. La multiculturalità fa parte del suo essere ma è forte l’impronta della cucina siciliana rivisitata in chiave innovativa. La selezione delle materie prime, in particolare del miglior pesce che arriva dal mare antistante, le tecniche di cottura e l’unione dell’antico con il moderno, sono le caratteristiche principali della sua cucina. Massimo Giaquinta guarda il mare e da lì trae ispirazione, punta a stupire con le sue interpretazioni personalissime dei piatti, mai banali, gioca con le consistenze e le temperature, ma imprescindibile nella sua cucina è il rispetto dell’ingrediente. Nella sua brigata, ci sono il fratello Giuseppe che riveste l’importante ruolo di sous chef, Salvatore Aniello e Giovanni Fisicaro.

Da pochi giorni il Cortile Arabo ha stretto un’importante collaborazione con il brand siciliano Tizzini e si è vestito di eleganza attraverso pezzi unici d’autore. L’artista Tiziana Tizzini ha realizzato in esclusiva per il locale di Marzamemi un raffinato tovagliato in lino bianco e avorio con applicazioni di specchietti, cianciane, giummie, passamanerie. 

Un colpo d’occhio che racconta la bellezza della Sicilia e il suo artigianato di pregio, che si mescola con eleganza alle maioliche bianche e azzurre e ai muri di pietre antiche.

C’è di più. Cortile Arabo sarà l’unico posto a Marzamemi dove sarà possibile acquistare le preziose coffe,  lavorazioni uniche ed inimitabili firmate da Tizzini che prendono spunto dagli antichi cesti siciliani di palma nana, intrecciati a mano, usati un tempo come mangiatoia per asini e cavalli.

Coffe Tizzini

Per festeggiare la collaborazione, il 26 maggio è stato organizzato “Glam & Food”, evento glamour molto riuscito che ha preso il via con un suggestivo aperitivo al tramonto, sullo sfondo dell’antica tonnara.

Il sommelier Ciccio Iudice

E’ seguita la cena, in collaborazione con l’azienda Tasca D’Almerita e l’artigiano Alessandro Di Rosa dell’azienda Thalass (mare, in greco) che realizza una linea di piatti in vetro pensata su misura per l’alta ristorazione.

M. Giaquinta, T. Tizzini, A. Di Rosa

Il nome Thalass evoca il culto degli antichi Greci per le forme e il mare, considerato come spazio da scoprire. La linea Thalass è dedicata a chi vede il cibo come una forma d’arte, da qui la prestigiosa collaborazione con Cortile Arabo. Un ventaglio di trasparenze che ha  valorizzato le preparazioni dello chef Giaquinta e della sua brigata. Una serata perfetta in riva al mare di Marzamemi, alla scoperta di due importanti aziende di artigianato siciliano e di un luogo che parla la lingua della Sicilia più autentica.

Il menù in degustazione:

Il sasso di mare è realizzato con una patata ricoperta di argilla e accompagnato da un tocchetto di morro, vellutata di patate, capperi e trito di acciughe, chips di patate e spinaci, unghietta di pesto di ortica e erbette officinali (acetosella rossa, camomilla, senape rosa, asperula)

Rivisitazione della pasta con le sarde. I carboidrati vengono sostituiti da un pezzetto di pane, la novità è il gelato preparato con il sugo di sarde, servito con croccante all’acqua di finocchietto, pinoli spadellati

Fusilli alla cicala di mare su anemone, tartufo bianco e caviale

Tonno alla ghiotta con vellutata di patate e capperi, dressing di salsa di peperoni, unghietta di cipolla

“Passeggiata Pachinese”, interpretazione dolce della bruschetta siciliana, con gelato al pomodoro ciliegino, polvere di olio extravergine di oliva, croccante di mandorla, riduzione di pomodorini.

Cortile Arabo,

Piazza Villa Dorata, Marzamemi (SR)

Tel. (+39) 0931.841678

 

 

Lascia un commento