La cucina d’autore dello chef bistellato Massimo Mantarro

22008097_1944387085817853_638110991755664114_n

Nel cuore di Taormina, tra terra e mare, nella magica cornice di un ex monastero che racchiude secoli di storia, arte, eleganza, fascino, sorge il Ristorante 2 stelle Michelin “Principe Cerami”. Intitolato al nobile siciliano a cui si deve la trasformazione del monastero in un hotel, il ristorante è gestito dall’Executive Chef Massimo Mantarro.

Appassionato interprete della tradizione gastronomica siciliana, Mantarro propone un menù creativo e innovativo, fortemente ispirato all’eredità della Sicilia. Umiltà, talento, estro e una grandissima preparazione contraddistinguono lo chef, il cui nome è ormai, di diritto, annoverato nella top list dei grandi maestri della cucina siciliana e italiana.

La cucina del bistellato Mantarro interpreta in chiave moderna la tradizione isolana, sorprende con accostamenti eleganti e sempre perfetti tra terra e mare, esalta i sapori, rispetta il ciclo della natura e la stagionalità dei suoi prodotti e conquista al primo sguardo. Se la cucina è arte, Mantarro è uno di quei grandi artisti che lasciano il segno nella memoria. I suoi piatti sono autentici dipinti, impossibili da dimenticare.

Sedersi alla tavola raffinata del Principe Cerami è quasi un privilegio, con soli 7 tavoli nella sala interna, intima ed elegante, tra le luci soffuse e le ampie vetrate dalle quali si scorge il panorama incantevole di Taormina. In estate poi lo scenario è dei più belli, cenando nella terrazza con vista sulla città e sul mar Ionio. 

L’attenzione per il cliente è massima, l’ospitalità impeccabile. La scelta di uno dei menù degustazione proposti è la più indicata per scoprire la filosofia che muove lo chef, la sua storia, il suo percorso e la sua idea di cucina.

Il menù “C’era una volta il Principe Cerami racconta una storia… di successo! I piatti proposti sono sorprendenti e sempre equilibrati. Gli abbinamenti sono strepitosi: il maialino nero dei Nebrodi va a nozze con i gamberi rossi di Mazara e le cime di rapa in cialda croccante. Un piatto su tutti conquista la vista e il palato, la trasparenza di scampi, perle di verdura e composta di mele cola, ma il piatto che lascia senza fiato è quello che al Principe Cerami ha fatto storia. Ideato e proposto dallo chef Mantarro nel 2012, anno in cui viene assegnata la seconda stella Michelin: “calamari come se fosse un risotto” è assolutamente geniale. Il riso non c’è, il calamaro è tagliato in modo così sottile da sembrare un risotto e servito con una salsa al basilico; nascosto sotto la foglia d’argento c’è il nero di seppia…l’insieme è spettacolare!

L’abbinamento con i vini proposti dal bravo sommelier Alessandro è stato perfetto. Un’esperienza di gusto da fare assolutamente…al Ristorante Principe Cerami del San Domenico Palace Hotel di Taormina.

Le foto raccontano l’emozione che lo chef Mantarro ha trasmesso con i suoi piatti!

1

Accoglienza con bollicine e sfinci ricotta e miele

 

L'amuse bouche è cernia, crema di zucchine e polvere di pomodoro

Cernia, crema di zucchine e polvere di pomodoro

Trasparenza di scampi, perle di verdura e composta di mela cola

Trasparenza di scampi, perle di verdura e composta di mela cola

Calamari, come se fosse un risotto, con verde di basilico e salsa al nero di seppia leggermente piccante

Calamari, come se fosse un risotto, con verde di basilico e salsa al nero di seppia leggermente piccante

Maialino nero dei Nebrodi, gambero rosso di Mazara, cime di rapa

Filetto di dentice, patate gialle e viola

Filetto di dentice, patate gialle e viola

Gelato ai frutti rossi con crumble di mandorle

Rivisitazione della cassata siciliana

Rivisitazione della cassata siciliana

Piccola pasticceria mignon

Piccola pasticceria mignon

22789204_10212930284204859_5287954026330782427_n

22730278_10212930284244860_434131737593593244_n

Per saperne di più: Massimo Mantarro ha iniziato a lavorare al San Domenico Palace Hotel nel 1991, e con gli anni, grazie alla sua dedizione e alla sua passione per l’innovazione culinaria, è stato promosso a Sous Chef.

Dopo alcune importanti esperienze di lavoro con diversi chef premiati con la stella Michelin, nel 2003 è diventato Executive Chef al San Domenico Palace, e un anno più tardi è stato inaugurato il ristorante gourmet Principe Cerami.

Al Principe Cerami ha ricevuto riconoscimenti dalle più importanti guide gastronomiche nazionali, e nel 2008 ha ottenuto la prima stella della Guida Michelin, si è aggiudicato il premio del Gambero Rosso “Miglior Chef emergente” del 2011, e nel 2012 ha ottenuto la seconda stella della famosa guida rossa.

  • Studi:
  • Istituto Alberghiero di Taormina.
  • Istituto Etoile – Venezia
  • Ecole Lenôtre – Parigi
  • Esperienza professionale:
  • Hotel Villa Sant’Andrea – Taormina
  • Esperienza professionale Ristorante Savini – Milano
  • Ristorante Il Cambio – Torino
  • Ristorante Il Mulinazzo – Palermo ( ** Michelin)
  • Ristorante Don Alfonso ( ** Michelin)
  • Ristorante Duomo – Ragusa Ibla ( ** Michelin)
  • Ha cominciato nel 1987 nell’Hotel Villa Sant’Andrea di Taormina.

Principe Cerami, Piazza San Domenico 5, Taormina (ME)
 Tel. +39 0942 613111

 

Lascia una risposta