Il Bavaglino di Giuseppe Costa

15826795_697052310456946_2880136842734772799_nRomantico, intimo, raffinato. Il Ristorante “Il Bavaglino” dello chef Giuseppe Costa (nella foto) si affaccia sul mare verde/azzurro di Terrasini, in provincia di Palermo.

Vai a Terrasini solo per provare la sua cucina, ti fermi qualche giorno per scoprire la riserva naturale di Capo Rama e l’insenatura di Cala Rossa. Tutto ciò ripaga il viaggio… tanta natura e una cucina che riesce a sorprendere.

E’ il 2 giugno. Scelgo il menù degustazione, quello che – a mio parere – è il più indicato per offrire al cliente un’idea quanto più esaustiva della cucina del ristorante. Dai piatti emerge subito la creatività dello chef (che nel 2014 conquista la stella Michelin) e la sua scelta di valorizzare i sapori isolani e riproporli in chiave nuova. 

Si comincia con l’amuse bouche: lo sfincione al cucchiaio, rivisitazione di un grande classico dello street food palermitano. Pomodoro, cipolla, crema di caciocavallo, mollica “atturrata”… autentico sfizio che offre subito un’idea di quel che seguirà…

Sfincione al cucchiaio

Sfincione al cucchiaio

Segue il croccante arancino di cous cous con ragù di pesce. Ancora tanta Sicilia nel piatto…quella Sicilia che io adoro!

18813953_10211709074915390_6902160776195282265_n 2

Arancino di cous cous con ragù di pesce

Poi tocchi il cielo con un dito, quando arriva il crudo di gambero di nassa con finocchio croccante e tagliatelle di gelèe all’arancia. Resti incantata già dall’impiattamento e il gusto ti sorprende!

18813367_10211709126156671_7048133701391618880_n 2

Crudo di gambero di nassa con finocchio croccante e tagliatelle di gelèe all’arancia

E’ il momento dei primi piatti, la degustazione prevede il risotto con capperi e caffè, cremoso ed equilibrato, e il cannellone di gambero, pomodorini gialli, cannolicchi e spaghetti di zucchina croccante, molto delicato!

Risotto con capperi e caffè

Risotto con capperi e caffè

cannellone di gambero con pomodorini gialli cannolicchi e spaghetti di zucchina croccante

Cannellone di gambero con pomodorini gialli cannolicchi e spaghetti di zucchina croccante

Con il secondo arriva un interessante abbinamento con il vino siciliano, il Nero d’Avola che diventa spuma e accompagna la ricciola. Torna la Sicilia con il suo agrodolce…

18838816_10211709509686259_6378939570940073334_n 3

Ricciola scottata su crema di ceci con cipolla in agrodolce e spuma di Nero d’Avola

Arriva il pre dessert, una crema al frutto della passione con gelatina di albicocche e granella di frutto della passione essiccato, per rinfrescare il palato e prepararlo al dessert vero e proprio, quello che parla di Sicilia…

18893360_10211710116701434_5548997494691522003_n

Pre dessert al frutto della passione

Ed ecco “Lei” a completare una vera esperienza di gusto...la nuvola di cassata! 

18920453_10211710202503579_1163487687427837325_n 2

Nuvola di Cassata

Che dire, bravo Giuseppe Costa. Ci rivedremo presto! 

Con lo chef Giuseppe Costa

Con lo chef Giuseppe Costa

Per saperne di più…

Giuseppe Costa nasce nel 1982 nella cittadina trapanese di Alcamo, dove trascorre solamente pochi mesi della sua vita. Si  trasferisce presto a Montelepre un piccolo paesino collinare  a pochi passi dal capoluogo della propria regione.

Frequenta l’istituto alberghiero di Trapani dove consegue il diploma per i servizi ristorativi, ma presto si accorge di essere in una realtà troppo limitata per uno che, come lui, da grande vorrebbe davvero “diventare grande”.

Così decide di preparare la valigia portando con sé una gran voglia d’ apprendere,  molta buona volontà e curiosità per il cammino che ha deciso d’ intraprendere: prima in Trentino, poi a Bruxelles e successivamente in Italia al ristorante “Maremma” per una consulenza di Heinz Beck, in seguito approda in costiera amalfitana al “Rosselinis” [due stelle Michelin] con lo chef Pino Lavarra dove resta per due stagioni.

Decide di tornare in Trentino, a Trento, nel ristorante “Scrigno del Duomo”  con lo chef  Alfredo Chiocchetti  nonché  il primo chef di Alajmo.

Si sposta, quindi a Milano dallo chef Carlo Cracco dell’omonimo ristorante [due stelle Michelin].

Matura, poco alla volta, l’idea del suo ritorno in Sicilia, il mare, il sole, e la sua terra dove ama ogni cosa, dai colori ai profumi e da dove era partito. E’ qui che vuole esprimere tutto ciò che ha appreso e fare conoscere la sua passione per la cucina attraverso i prodotti della propria terra.

Nel 2009 a Napoli, nella cornice del Circolo Savoia, si aggiudica il premio come Chef Emergente del Sud Italia.

Il 4 novembre 2014 riceve la prima stella della guida Michelin.

Biografia tratta da giuseppecosta.com

Ristorante Il Bavaglino, via B. Saputo 20, Terrasini (PA) Tel. 091.8682285

Lascia un commento