TastEtna, tre giorni di show cooking con i grandi chef siciliani

taste_etna_logo

Dal 16 al 18 aprile Zafferana Etnea ospita la seconda edizione di “TastEtna”. L’evento si interseca con la manifestazione “Contrade dell’Etna”, appuntamento ormai consolidato con i produttori dell’area che presentano i nuovi vini. Il programma dell’evento organizzato da Cronachedigusto.it all’Esperia Palace Hotel di Zafferana Etnea prevede numerosi cooking show, focus sul vino e sul turismo.

Si comincia sabato 16 aprile alle 11.45 con il cooking show di Giuseppe Raciti di Zash, che cucinerà “Polpo, fave e finocchietto”.  La cucina etnea sarà protagonista di tutti i cooking show della giornata: alle 13.30 salirà sul palco Moreno Emmi di Talè, con il suo “Latte di cavaddro”, alle 15 Giuseppe Nicotra di Terra e Sorsi, il ristorante delle Cantine Nicosia, alle 16.30 Andrea Macca di Donna Carmela che preparerà “Polpo in salsa teriyaki siciliana con salsa di patate all’agro e the matcha”, e chiuderà Lina Castorina di 4 Archi con “Arancino o arancina? Sicuramente Slow, col cavolo trunzo di Aci”.

Si continua domenica 17 aprile: alle 11.45 Peppe Arcidiacono di In un angolo di Mondo cucina “A ‘mpanata”, poi alle 13.30 Sebi Sorbello preparerà “La triglia nel giardino dell’Etna”, alle 16.30 i cooking show si faranno dolci con la Pasticceria Musumeci, prima di chiudere alle 18 con Marco Cannizzaro di Km.0.

Per l’ultima giornata, lunedì 18 aprile, dopo Contrade dell’Etna a Passopisciaro, a partire dalle 15 si tornerà a Zafferana per la seconda Gara di gusto che metterà insieme alcuni chef under 30 della Sicilia Orientale, che si cimenteranno ognuno nella realizzazione di due piatti, uno con il gambero rosso, l’altro con gli asparagi.  A valutarli sarà una giuria presieduta da Ciccio Sultano.

(Da sinistra in alto, Marco Cannizzaro, Giuseppe Biuso, Giuseppe Raciti e Lorenzo Ruta)

Per la parte dedicata al vino, invece, grande attesa per le due degustazioni che si svolgeranno domenica alle 16,30 e alle 18,30: la prima metterà a confronto 12 vini delle denominazioni di Greco di Tufo ed Etna Bianco, mentre la seconda dedicherà la propria attenzione a 10 vini tra Etna Rosso e Barolo.

“Accendiamo i riflettori sul territorio etneo, che è tra quelli d’eccellenza enogastronomica siciliana, su cui è più alta l’attenzione internazionale in questo momento- dichiara il direttore di Cronachedigusto.it Fabrizio Carrera-. Con TastEtna progettato accanto a Contrade, continuiamo a raccontare il tesoro mai del tutto svelato che è custodito sull’Etna, radunando chef e produttori agricoli, operatori turistici ed addetti ai lavori. Accanto al vino, infatti, di cui, come abbiamo visto a Vinitaly 2016, si parla ormai in tutto il mondo, sul Vulcano emergono risorse e prodotti unici che meritano attenzione e una maggiore consapevolezza, anche per creare sistema”.

Le immagini sono tratte da Cronache di gusto

 

Lascia una risposta